Il presidente statunitense Donald Trump ha incontrato stamane (pomeriggio locale) il leader nordcoreano Kim Jong-Un nel villaggio di Panmunjeom – situato su quel 38° parallelo che demarca il confine iper-militarizzato tra le due Coree.

“The Donald” ha inoltre deciso di varcare il confine della DMZ e di entrare formalmente in Corea del Nord – diventando il primo presidente statunitense a farlo (tra Washington e Pyongyang vige un cessate il fuoco dal 1953, ma nessuna tregua è mai stata sottoscritta).

Trump si è trattenuto sul lato nord del confine solamente per pochi minuti, abbastanza però per stringere la mano a Kim davanti alle decine di fotografi che hanno immortalato lo storico momento. Lo stesso Maresciallo nordcoreano ha ammesso di non aspettarsi una tale “mossa coraggiosa e determinata” della controparte statunitense, affermando che l’incontro di oggi serve a porre le basi per “un futuro nuovo”.

Dopo essere tornati su suolo sudcoreano, i due capi di Stato hanno tenuto nella Freedom House frontaliera un bilaterale di poco meno di un’ora, durante il quale è presumibile che abbiano parlato delle politiche nucleari di Pyongyang e del nuovo corso dei negoziati (che, a detta di Trump, ripartiranno a breve). Al meeting ha presenziato, seppure in maniera logicamente più defilata, il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

Il terzo incontro tra Kim e Trump si è rivelato, almeno a livello mediatico, certamente di maggior successo rispetto all’ultimo, tenuto ad Hanoi. Nella capitale vietnamita, infatti, Trump abbandonò le trattative accusando i nordcoreani di non dire tutta la verità sui loro programmi nucleari-missilistici. Un incontro, l’ultimo, decisamente più “improvvisato” rispetto ai precedenti, sia nei tempi che nei modi: la proposta di incontro è arrivata da Trump appena un giorno prima (e solo per “dirsi ciao”), e per di più su Twitter – sfruttando la presenza dell’inquilino della Casa Bianca ad Osaka per il G-20.

Nonostante l’estemporaneità dell’incontro, è da sottolineare come Kim abbia deciso di “venire incontro” all’improvvisa proposta trumpiana. Il maggiore successo ottenuto dal colloquio odierno sembra essere quello che consegna i due leader sorridenti e cordiali l’un con l’altro: la (apparentemente, che è ciò che importa) ritrovata alchimia tra Trump e Kim può difatti essere la chiave di volta di un negoziato nordcoreano in cui appare fisiologicamente impossibile soddisfare in maniera completa entrambe le parti.

The following two tabs change content below.
Gennaro Mansi

Gennaro Mansi

Gennaro Mansi, nato a Battipaglia (SA) nel 1996, è laureando in Giurisprudenza presso l'Università di Bologna, dopo aver trascorso un semestre di studio alla Higher School of Economics (ВШЭ) di Mosca. Analista politico-giuridico per l'Osservatorio Russia, è altresì membro del CdA dell'associazione culturale "Geopolis - Limes Club Bologna". Svolge il ruolo di Senior Associate Editor all'interno della University of Bologna Law Review, oltre a condurre un programma settimanale di approfondimento politico quale speaker per Radio 1088.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: