Sergio Mattarella si è espresso: Giuseppe Conte a distanza di pochi giorni si ritrova nuovamente al centro dell’attenzione, sembra proprio che tocchi ancora a lui dirigere la nuova squadra di governo con le due forze politiche che saranno le sue principali sostenitrici: Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. È curioso notare come lo scenario politico italiano sia stato totalmente stravolto nell’arco di appena un mese, passando da alleanza Lega-M5S a PD-M5S, considerando soprattutto come il Partito Democratico sia uscito annientato dalle elezioni di poco più di un anno fa. Che cosa aspettarsi dal Conte-bis? Il premier ha innanzitutto parlato di “novità”, chiaramente ci attendono nomi nuovi che andranno a costituire le nuove “colonne” del governo.

Intendiamoci, non possiamo certo ancora comprendere per filo e per segno quali saranno nel dettaglio i piani del nuovo governo, ma dalle parole di Conte non può che trapelare un significato quantomeno curioso e forse bizzarro considerando come l’indirizzo politico italiano sia drasticamente cambiato (da Conte a Conte, paradossalmente) nell’arco di 14 mesi. Il premier ha accettato l’incarico con riserva, quali sono i temi principali da lui toccati nel suo primo discorso? Si è parlato di istruzione, di innovazione, di infrastrutture, politiche ambientali ed energie rinnovabili, rivalutazione del Mezzogiorno, abbassamento delle tasse, maggior rilievo al ruolo dell’Italia nello scenario politico internazionale. Tutti temi importanti e ampiamente condivisibili (in fondo difficilmente si sente parlare di programmi politici “brutti” a priori), ma non sono temi che rispecchiano il desiderio della maggioranza. Non si è parlato di sicurezza; non si è parlato di immigrazione (tema, piaccia o meno, FONDAMENTALE nell’opinione pubblica italiana); è stata chiaramente evidenziata l’importanza del ruolo italiano in Europa, quella stessa Europa che fino a poco più di un anno fa è stata il “nemico” che ha cementificato i consensi del governo giallo-verde. In poco meno di un mese il “linguaggio” della politica italiana è stato letteralmente stravolto, ma la cosa curiosa non è tanto il cambio di linea repentino del governo, bensì ciò che sta alla base di questo nuovo “bizzarro” (M5S e PD assieme? Chi l’avrebbe mai detto fino a poco tempo fa?) corso degli eventi.

Andare al voto avrebbe significato molto probabilmente (stando ai sondaggi attuali) consegnare l’Italia alla Lega di Matteo Salvini, troppo forte è il consenso della Lega per essere ignorato, e questo lo sapevano tutti, soprattutto coloro che vogliono creare questo nuovo governo, forze politiche che fino a pochissimo tempo fa erano come il gatto e il topo se non peggio. “Cosa non si farebbe per salvare le poltrone” potrebbe dir qualcuno, ma poniamoci anche un’altra domanda a questo punto: “cosa non si farebbe per bloccare il volere popolare?”. Quindi ci si può chiedere ancora: “Può l’Italia permettersi di ascoltare il voto popolare?” L’esperimento sovranista è fallito? Basta andare a guardare le “reazioni” in Europa in seguito alla fuoriuscita di Salvini, basta osservare le dichiarazioni di Schultz (vice-cancelliere tedesco) riguardo la nuova linea da lui definita progressista intrapresa dal governo italiano. È meglio ascoltare il popolo o far “strizzare l’occhio” ai vicini europei? Il M5S si è “venduto” al PD per buonsenso o malafede? Gli ultimi 14 mesi sono stati un errore o no? Il movimento sovranista italiano ha fallito o è stato sabotato? Temi cari alla popolazione quali sicurezza, immigrazione, autonomia ecc. sono di primaria importanza o l’Italia deve prima pensare a “farsi buona” l’Europa?

Forse si potrebbe dire che poco più di un anno fa si è scelto di dare “una chance” ai desideri del popolo con la nascita del governo giallo-verde, ora improvvisamente questa chance gli viene tolta, che sia per intrighi di palazzo o per il bene del Paese non ci è dato saperlo se non alla luce dei risultati futuri. È quindi morta l’idea del movimento sovranista in Italia? Forse per il popolo no, ma per lo Stato sì.

The following two tabs change content below.
Stefano Privitera

Stefano Privitera

Stefano Privitera. Laurea in Relazioni Internazionali. Per lo IARI analizza la politica interna italiana
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: