Alla fine del mese di Ottobre, si terrà a Johannesburg la sesta edizione del forum tra sud Africa ed Europa sponsorizzato dalla The American House Ambrosetti, e volto a rafforzare il network tra imprenditori ed imprese europee e sudafricane sotto il motto di “Creiamo una comunità esclusiva ed influente di leader”. Il forum, che come si è detto si svolge da più di un lustro, è volto al rafforzamento delle liasons economiche tra i paesi membri dell’Unione e le comunità imprenditoriali sudafricane. Infatti, il paese è uno dei 10 partner strategici dell’Ue che, a sua volta, rappresenta il primo partner commerciale e la prima destinazione dei suoi investimenti diretti esteri.

Il forum, in particolare, avrà ad oggetto temi sensibili quali la creazione di una rete strutturata di implementazione della scolarizzazione, in un Paese che, sebbene tra i più ricchi del continente, consta ancora di una ingente parte della popolazione non scolarizzata, specie tra gli esponenti dell’etnia africana. Di grande rilievo sarà anche la discussione sullo Square Kilometre Array. La prima fase del progetto internazionale, a cui partecipano tredici Paesi, compresa l’Italia, per la realizzazione del più gande e potente telescopio al mondo è stata infatti completata, ed una delle sue sedi principali si trova proprio in Sud Africa, nell’area di Karoo, dove la visione della Via Lattea è migliore e sono minori le interferenze radio.

Il forum, in sintesi, si inserisce nel più complesso quadro delle relazioni bilaterali tra Unione Europea ed in particolare nella cornice degli accordi di Partenariato per il periodo 2014-2020:nel ribadire l’importanza strategica che il Sud Africa, come seconda economia del continente riveste nelle relazioni il vecchio continente, la Commissione riafferma che le priorità, sponsorizzate anche attraverso l’incontro delle classi imprenditoriali alla fine del mese, rimangono invariate: creare lavoro, sostenere la ricerca, implementare l’utilizzo di strutture atte a sostenere l’economia del Paese nel lungo periodo, in un momento nel quale si riaccendono le tensioni etniche.

Risale al primo di Ottobre la notizia di nuove rivolte alla periferia di Johannesburg, innescate da una nuova ondata di migrazioni dai Paesi vicini. Chi arriva nel Paese, infatti, è visto come concorrente ai-pochi- posti di lavoro ben retribuiti che esistono in Sud Africa, interessata dagli ultimi anno da un forte calo dell’occupazione, e questo benché la maggior parte di chi arriva sia “self employed”. Non a caso gli obiettivi colpiti, sono le sedi di alcune grosse compagnie e aziende del territorio. Al fine di raggiungere risultati concreti, l’agenda del forum economico, non potrà quindi prescindere dall’analisi della difficile congiuntura interna.

The following two tabs change content below.
Giulia Raciti

Giulia Raciti

Ciao a tutti, sono Giulia Raciti Longo, e collaboro con IARI da Giugno del 2019.Dopo la laurea in Giurisprudenza, conseguita a Catania, ho proseguito i miei studi a Milano, dove ho ottenutoil Master in Diplomacy presso l' ISPI-Istituto per gli Studi di Politica Internazionale. Sono fluente in tre lingue, e ho avuto la possibilità di studiare in tutta Europa, e di lavorare con l' ONG ruandese “ African Education Network" per un anno, occupandomi di analisi delle policies e mappatura legislativa. È in questi contesto che è nata la mia passione per l' Africa, territorio complesso e spesso sottovalutato nelle relazioni internazionali. Con IARI mi occupo proprio di Africa, focalizzandomisui processi elettorali e sui fenomeni migratori, temi che mi propongo di affrontare con un approccio trasversale tra geopolitica e diritto internazionale. Sono appassionata di storia contemporanea, in particolare delle decadi tra il ’20 e il ’40 del 900.Lavorareper la redazione dello IARI, mi ha dato la possibilità di mettere le mie competenze al servizio degli altri: credo infatti fermamente che la geopolitica sia uno strumento indispensabile per capire il mondo che ci circonda ed essere cittadini globali più attenti e consapevoli.Per questo cerco sempre di creare contenuti che siano fruibili anche dai non addetti ai lavori, ma rigorosi dal punto di vista scientificoed informativo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: