Alla vigilia delle elezioni americane, il Brasile di Jair Bolsonaro e gli USA di Donald Trump firmano degli accordi che rimarcano la stabile relazione tra i due Paesi

Il Brasile e gli Stati Uniti hanno recentemente concluso le negoziazioni di accordi che facilitano il commercio tra i due Paesi , un presupposto per la costituzione di un futuro accordo di libero commercio più ampio. Tra le misure principali vi sono l’abolizione di alcune barriere non tariffarie, oltre alla semplificazione di molteplici procedimenti burocratici che possono favorire gli scambi bilaterali e gli investimenti tra i due Paesi. L’ampliamento di queste misure economiche e commerciali dipenderà anche dal risultato delle prossime elezioni presidenziali americane, infatti mentre sembra esserci una sempre maggiore intesa tra Trump e Bolsonaro, una possibile vittoria di Joe Biden porterà inevitabilmente a degli squilibri nelle relazioni tra USA e Brasile. Il candidato democratico infatti ha dimostrato più volte una posizione abbastanza critica verso il governo Bolsonaro, in particolare in merito alla questione ambientale . Sottolineando l’importanza delle relazioni con gli Stati Uniti, in particolare con Trump, il Presidente del Brasile ha sottolineato come la relazione con gli USA sia chiara, sincera e prioritaria e per il futuro prevede la stipula di un accordo commerciale, una partnership tra i due Paesi per poter ridisegnare le catene globali di produzione.

La progressiva apertura del mercato brasiliano favorirà inoltre nuove opportunità di business, soprattutto in ambito energetico. Attualmente il Brasile si pone come obiettivo anche l’entrata nell’OCSE che attrarrà maggiori investimenti nazionali e internazionali, oltre ad essere una prova evidente di come il Brasile sia disposto ad assumere impegni e responsabilità a livello internazionale. Questi accordi bilaterali sono stati sanciti in un momento in cui il commercio tra gli Stati Uniti e il Brasile registra il peggior risultato dal 2009, con una riduzione del più del 25% nel 2020 rispetto all’anno precedente. Tra i fattori che spiegano questa riduzione del commercio tra i due giganti continentali sono: gli effetti della crisi economica, la caduta del prezzo del petrolio e alcune restrizioni commerciali specifiche.  

Le attuali relazioni bilaterali tra Stati Uniti e Brasile non riguardano solo il tema economico e commerciale, ma anche i diritti umani. I due Paesi hanno infatti sottoscritto anche la cosiddetta ‘Dichiarazione di consenso di Ginevra’, un documento che riafferma l’importanza di poter garantire una migliore salute per le donne, la tutela della vita umana, la concezione della famiglia come unità fondamentale della società e la protezione della sovranità nazionale in ambito internazionale. Un accordo che mette in evidenza, ancora una volta, la controversa questione dell’aborto, rimarcando l’importanza della protezione della vita dal concepimento, non considerando l’accesso all’aborto legale e sicuro, che deve essere di esclusiva tutela di ogni singolo Paese, senza ingerenze o pressioni da parte della comunità internazionale.

The following two tabs change content below.
Nicole Bruttomesso

Nicole Bruttomesso

Sono Nicole Bruttomesso, analistae redattoreI ARI per l’America Latina.Possiedo una formazione accademica ed esperienza professionale nell’ambito delle relazioni ed economia internazionali, delle politiche sociali e della comunicazione, maturate tra l’Europa e il Sudamerica. Attraverso lo IARI intendo promuovere sul panorama italiano le dinamiche geopolitiche della regione latino-americana, occupandomi principalmente di Sudamerica ed in particolare di Brasile.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: