Inizia oggi al palazzo di Giustizia di Caglayan a Istanbul il processo nei confronti della presidente locale del partito di opposizione turca CHP, Canan Kaftancioglu, braccio destro del neo-sindaco Ekrem Imamoglu. La 47enne, una delle principali artefici della vittoriosa campagna elettorale di Imamoglu, rischia fino a 17 anni di carcere con l’accusa di aver insultato il presidente e lo stato, provocando animosità e facendo propaganda terroristica nei social media. I post incriminati risalgono a circa sei anni fa. L’accusata ha negato ogni cosa e ha, di rimando, accusato le autorità governative di stare attuando un processo politico grave e immotivato dando il via alla repressione posteriore alla bruciante vittoria elettorale nella piu grande città della Turchia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: