Il 16 dicembre lo Stato d’Israele ha firmato i permessi per il trasferimento di gas naturale dai giacimenti di Leviathan e Tamar all’Egitto. Due sono i traguardi raggiunti attraverso questa manovra: anzitutto, Israele diviene esportatore di gas naturale grazie all’enorme estensione dei giacimenti al largo delle sue coste (e sui quali vi sono ancora contenziosi ed attriti) e, in seconda istanza, arriva a stringere una cooperazione di tipo strutturale (e dunque lega a sé ) con un “nemico naturale”, prima del 1979 con gli Accordi di Camp David.

La cooperazione di questi due paesi, accanto agli accordi fra Turchia e Libia, segna il corso di un futuro geopolitico ancora più incerto nel Mediterraneo orientale. La Palestina, terra di mezzo fra Egitto e Israele, gode del supporto incondizionato di Erdoğan, il quale al vertice dell’Organizzazione per la cooperazione islamica ad Istanbul ha denunciato la complicità nei confronti di Israele da parte dei paesi occidentali e di alcuni paesi islamici.

Il riferimento all’Egitto non avrebbe potuto essere più palese. Al-Sisi vive ai bordi delle cooperazioni di stampo islamico. È dalla criminalizzazione dei Fratelli musulmani, finanziati e ben voluti da Ankara e Doha, fino a toccare le corde sensibilissime della situazione a Gaza, per la quale il Cairo ha mediato in maniera mirabilmente diplomatica, salvando capra e cavoli: per imbonirsi Israele e marginalizzare ancor di più i Fratelli musulmani, il regime ha guardato con sospetto Hamas, senza però negare la resistenza palestinese. Alcuni analisti vedono, dietro le recenti posizioni del Cairo e di Tel Aviv, un piano per la spartizione delle terre palestinesi. Una dietrologia che potrebbe avere la sua ragion d’essere.

Ciò detto, è altresì vero che Al-Sisi non supporta minimamente il GNA in Libia, capeggiato da Al-Serraj, ma che anzi abbia sedotto la Camera dei Rappresentanti di Tobruk, di cui due vertici molto importanti si sono tenuti proprio al Cairo, e che patteggi apertamente per il generale Haftar. La frattura in questa parte del Mediterraneo sta divenendo sempre più profonda: con la sempre maggiore polarizzazione fra Turchia e Libia da un lato, ed Egitto e Israele dall’altro, non è da escludere del tutto un possibile intervento armato (seppur minimo), il cui terreno di scontro sarà la Libia. Israele, ancora una volta, gioca bene le sue carte: dividi et impera.  

The following two tabs change content below.
Maria Nicola Buonocore

Maria Nicola Buonocore

Sono Maria Nicola Buonocore, classe 1996. Ho conseguito il titolo triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali nel 2018 all’Università di Napoli “l’Orientale”, con tesi in Storia Sociale, cercando i collegamenti e le divergenze fra la “rivoluzione intellettuale” di Don Lorenzo Milani e i moti sessantottini. Ora frequento l’ultimo anno di Corso in Specialistica in Relazioni Internazionali ed Analisi di Scenario alla Federico II, con indirizzo in Geopolitica economica. Dato il grande interesse umanistico e per sensibilità religiosa, ho seguito diversi corsi presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, oltre che ad aver approfondito da autodidatta altre due importanti religioni: ebraismo ed Islam.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: