Dopo una settimana di voci insistenti circa il suo ritorno in patria dopo sei anni di esilio ieri, François Bozizé, ex presidente della Repubblica Centrafricana, si è mostrato ieri per la prima volta in pubblico, declamando un lungo discorso tra gli incitamenti dei suoi sostenitori. 

Già il 17 dicembre Bertin Bea, il segretario generale del partito dell’ex leader, il Kwa Na Kwa, aveva rilasciato dichiarazioni sul ritorno di Bozizé, che però erano state fino a ieri smentite dal capo dell’opposizione. Ed in effetti, la ricomparsa sulla scena di una delle figure più controverse degli ultimi anni desta non poche perplessità sia all’interno del Paese, che nella comunità internazionale.

La Repubblica Centrafricana è, infatti, una realtà fragilissima, caratterizzata dal 4° Pil più basso al mondo e secondo il Global Terrorism Index Report del 2018, si tratta  del 7° Paese che ha subito maggiormente l’impatto del terrorismo in Africa e il 15° al mondo, con un indice pari a 6,71 su 10, a causa delle tensioni di matrice islamista da ricondurre al gruppo dei Seleka.

Lo stesso Bozizé, in esilio dal 2013, è il destinatario di un mandato di cattura connesso a “crimini di guerra” e “ atti di incitamento al genocidio”. È quindi un mistero come sia stato possibile un suo ritorno dalla Repubblica Democratica del Congo, dove Bozizé si trovava quasi certamente in esilio, sebbene i suoi avvocati e sostenitori avessero organizzato massicce campagne di sostegno al premier.

Ciò fa supporre una connivenza anche con le autorità della RDC, probabilmente interessate ad un qualche tipo di influenza sui vasti territori del Paese che sono ancora contesi, e che sono stati al centro, durante tutto il 2019, di accordi di Pace mai del tutto soddisfacenti per gli attori interni in gioco. La ricomparsa dell’ ex- Presidente, inoltre, è da ricondursi alle elezioni che si terranno a fine 2020, per cui probabilmente vorrà candidarsi.

La legge della Repubblica Centrafricana stabilisce infatti, che chiunque voglia correre per la carica presidenziale, deve trovarsi stabilmente sul territorio del Paese per almeno un anno prima della data della chiamata alle urne.

Sembra, in definitiva, che il Paese al cuore dell’Africa debba prepararsi ad un nuovo, probabile riacuirsi della ferita del conflitto civile, mai del tutto sanato, se le varie parti in causa non saranno in grado di trovare soluzioni pronte ed efficaci in grado di contemperare tutti gli interessi in gioco.

 

The following two tabs change content below.
Giulia Raciti

Giulia Raciti

Ciao a tutti, sono Giulia Raciti Longo, e collaboro con IARI da Giugno del 2019.Dopo la laurea in Giurisprudenza, conseguita a Catania, ho proseguito i miei studi a Milano, dove ho ottenutoil Master in Diplomacy presso l' ISPI-Istituto per gli Studi di Politica Internazionale. Sono fluente in tre lingue, e ho avuto la possibilità di studiare in tutta Europa, e di lavorare con l' ONG ruandese “ African Education Network" per un anno, occupandomi di analisi delle policies e mappatura legislativa. È in questi contesto che è nata la mia passione per l' Africa, territorio complesso e spesso sottovalutato nelle relazioni internazionali. Con IARI mi occupo proprio di Africa, focalizzandomisui processi elettorali e sui fenomeni migratori, temi che mi propongo di affrontare con un approccio trasversale tra geopolitica e diritto internazionale. Sono appassionata di storia contemporanea, in particolare delle decadi tra il ’20 e il ’40 del 900.Lavorareper la redazione dello IARI, mi ha dato la possibilità di mettere le mie competenze al servizio degli altri: credo infatti fermamente che la geopolitica sia uno strumento indispensabile per capire il mondo che ci circonda ed essere cittadini globali più attenti e consapevoli.Per questo cerco sempre di creare contenuti che siano fruibili anche dai non addetti ai lavori, ma rigorosi dal punto di vista scientificoed informativo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: