In Zimbabwe le miniere sono sinonimo di morte: lo sanno coloro che ci lavorano, lo sanno i governanti del Paese, e lo sa la comunità internazionale ha sempre tentato di alzare la voce sia attraverso i mezzi diplomatici sia attraverso i mezzi di informazione e di intrattenimento (non ultimi alcuni film di Hollywood). Ma i diamanti di sangue hanno sempre avuto un più o meno facile accesso al mercato internazionale, sia in forme lecite che in forme meno lecite.

Le cose però potrebbero presto cambiare: dal 20 ottobre 2019, gli Stati uniti, all’interno della loro campagna di attivazione di dazi all’ingresso su alcuni beni, hanno anche bandito l’importazione di diamanti grezzi provenienti dallo Zimbabwe nella paura, come dichiarato da alcuni esponenti del governo Trump, che questi possano essere ottenuti tramite ingenti violazioni del diritto del lavoro e dei diritti umani.

A primo acchito la legislazione lavoristica di Harare potrebbe sembrare moderna, se non addirittura all’ avanguardia rispetto ad altri paesi dell’Africa. E tuttavia, da quando nel 2006 sono state scoperte grandi giacimenti di diamanti nell’area nord del paese al confine con il Mozambico, sono sorte attività estrattive illegali di tutti i tipi, che hanno coinvolto anche numerosi esponenti politici. L’uragano politico che ne è derivato si è placato solo dopo i Kimberly Process del 2011, con l’impegno delle parti sociali coinvolte a garantire ai lavoratori dell’industria estrattiva un trattamento adeguato sia dal punto di vista retributivo che dal punto di vista della sicurezza sul lavoro.

Permangono però i dubbi sull’effettività del rispetto degli impegni presi: a tutt’oggi, l’accesso ai siti di estrazione è sottoposto a regole severissime, sia per i giornalisti che per le associazioni per i diritti civili, che devono richiedere permessi speciali per entrare nelle miniere. I documenti possono impiegare mesi per arrivare, complice un fallace e farraginoso sistema burocratico interno. I salari, per i lavoratori, sono ancora tra i più bassi al mondo, attestandosi sui 192$ al mese, circa 6 dollari al giorno, per circa otto ore di lavoro (ufficiali). A marzo, le compagnie di diamanti hanno annunciato un incremento dell’80% del salario, ma al momento non è ancora stato reso operativo ed in ogni caso, sarebbe sempre altamente sperequato a fronte degli immensi guadagni che dai diamanti derivano: si stima che il Paese abbia ricavato dalla vendita delle pietre grezze circa 92 milioni di dollari solo nel 2018. Harare continua a rigettare le accuse di Washington e della comunità internazionale, ribattendo come i media ed i partners globali vogliano impedire allo Zimbabwe di passare dall’essere “l’uomo malato d’Africa” al nuovo Botswana. Ma l’ultimo report delle Commissione delle Nazioni Unite sui Diritti Umani parla chiaro: i diamanti di Harare sono, ancora, sporchi di sangue.

The following two tabs change content below.
Giulia Raciti

Giulia Raciti

Ciao a tutti, sono Giulia Raciti Longo, e collaboro con IARI da Giugno del 2019.Dopo la laurea in Giurisprudenza, conseguita a Catania, ho proseguito i miei studi a Milano, dove ho ottenutoil Master in Diplomacy presso l' ISPI-Istituto per gli Studi di Politica Internazionale. Sono fluente in tre lingue, e ho avuto la possibilità di studiare in tutta Europa, e di lavorare con l' ONG ruandese “ African Education Network" per un anno, occupandomi di analisi delle policies e mappatura legislativa. È in questi contesto che è nata la mia passione per l' Africa, territorio complesso e spesso sottovalutato nelle relazioni internazionali. Con IARI mi occupo proprio di Africa, focalizzandomisui processi elettorali e sui fenomeni migratori, temi che mi propongo di affrontare con un approccio trasversale tra geopolitica e diritto internazionale. Sono appassionata di storia contemporanea, in particolare delle decadi tra il ’20 e il ’40 del 900.Lavorareper la redazione dello IARI, mi ha dato la possibilità di mettere le mie competenze al servizio degli altri: credo infatti fermamente che la geopolitica sia uno strumento indispensabile per capire il mondo che ci circonda ed essere cittadini globali più attenti e consapevoli.Per questo cerco sempre di creare contenuti che siano fruibili anche dai non addetti ai lavori, ma rigorosi dal punto di vista scientificoed informativo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: