BOSNIA: MIGRANTI AL GELO DELLE ISTITUZIONI

Il caso dei migranti bloccati in Bosnia pone il dubbio sulla reale validità della politica di esternalizzazione delle frontiere, adottata dall’Unione Europea. Quanta responsabilità hanno le istituzioni europee nell’attuale crisi umanitaria?

L’EFFETTO “PANDEMICO” DELLA TORTURA

A più di 30 anni dall’approvazione della Convenzione contro la Tortura, il reato risulta ancora globalmente diffuso. Quali sono gli strumenti da approntare per assicurarne la salvaguardia effettiva?

LOUJAIN AL HATHLOUL: QUANTO COSTA LA DIFESA DEI DIRITTI DELLE DONNE IN ARABIA SAUDITA?

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″] Qual è il livello dei diritti oggi riconosciuto alle donne in Arabia Saudita e quale grado di tutela bisogna garantire per i difensori dei diritti umani?

NAGORNO KARABAKH: TRA PRINCIPIO DI AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI ED INTEGRITÀ TERRITORIALE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″] Nel conflitto in Nagorno Karabakh si stanno scontrando due popoli, Armeni ed Azeri, ma anche due principi fondamentali del diritto internazionale: diritto all’autodeterminazione dei popoli e

GEORGIA (USA): VIOLAZIONI DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DEI DIRITTI RIPRODUTTIVI DELLE DONNE NEI CENTRI DETENTIVI PER MIGRANTI

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] La vicenda delle isterectomie forzate, praticate in un centro detentivo per immigrati della Georgia, nei confronti di detenute inconsapevoli, offre spunti di riflessione sulla salvaguardia

BIELORUSSIA: IL GRANDE ORGOGLIO DI UN PICCOLO POPOLO

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″]   Dopo l’insediamento per il sesto mandato di Lukashenko, le proteste del popolo bielorusso non accennano a calmarsi, mentre si attendono le mosse dei due rispettivi