LA PROIEZIONE MILITARE CINESE NEI PAESI DELLA BELT AND ROAD INITIATIVE

14 mins read

La Cina ha dato il via alla BRI come progetto economico ma negli ultimi anni il mondo ha acceso i riflettori sulle sue implicazioni militari.

L’elezione di Xi Jinping nel 2012 ha tracciato una nuova traiettoria di sviluppo e ascesa per la Repubblica Popolare Cinese. Nonostante ciò, in pochi avrebbero pensato che nel 2013 la Cina si sarebbe lanciata nellarealizzazione del più ambizioso progetto infrastrutturale, geopolitico e geoeconomico mai tentato nel corso della storia: ben dodici volte più costoso, al netto dell’inflazione, rispetto al Piano Marshall lanciato dagli USA al termine della Seconda Guerra mondiale. L’ambizioso piano, denominato BRI (Belt and Road Initiative) o One Belt One Road mira a coinvolgere via terra e via mare più di 60 Nazioni appartenenti ad Africa, Asia, Europa e Sud America, con l’obiettivo finale di dar vita ad una rete di infrastrutture commerciali, economiche ed energetiche a livello globale.

Dopo l’annuncio, un gran numero di Paesi, africani e asiatici in primis, si sono dimostrati fortemente interessati a far parte del progetto e hanno accettato di buon grado i prestiti e gli investimenti arrivati dalla Cina. Quest’ultima si è abilmente presentata come soggetto diverso rispetto agli Stati colonizzatori europei, non intenzionata a imporre regole in campo di diritti o economia. Mascherando le relazioni bilaterali con la definizione di “win-win” e utilizzando al meglio il proprio soft-power è riuscita in poco tempo ad attrarre a sé molti governi. L’Europa, Italia inclusa, è stata inizialmente disposta a collaborare con Pechino per sviluppare i collegamenti nell’ambito della BRI ma negli ultimi anni abbiamo notato una brusca virata dovuta agli enormi timori che l’iniziativa cinese ha sollevato nei palazzi del potere in Occidente, soprattutto alla Casa Bianca.

Osservando la spregiudicatezza con la quale Pechino ha portato avanti i suoi progetti e timorosi della sua aggressività, gli analisti hanno iniziato ad approfondire le componenti strategiche e geopolitiche insite nella Belt and Road Initiative con l’obiettivo di capire se e come ad un’espansione commerciale ed economica seguirà una contestuale penetrazione militare.

Gli Stati Uniti, imparata la lezione dell’Ammiraglio Alfred T. Mahan[1], hanno dimostrato come sia possibile mantenere il controllo dei flussi economici e commerciali e, se necessario, isolare i propri avversari grazie al controllo degli oceani. Sarebbe irrealistico credere che la Cina, sebbene storicamente non sia una Nazione particolarmente improntata alla guerra, non decida di approfittare della BRI per aumentare le proprie capacità militari all’estero, soprattutto quella di pattugliamento delle sea lines dove transitano le merci da e verso il Paese.

Già nel 2004, l’ex Presidente Hu Jintao per la prima volta parlò di una “nuova missione storica” e introdusse il concetto per cui la Cina avrebbe dovuto difendere i suoi interessi non solo sul continente ma anche oltremare. Otto anni dopo, il XVIII Congresso del PCC stabilì che la Cina dovesse diventare una “grande potenza navale”. La dirigenza cinese ha sottolineato la necessità di dotarsi di “punti di approdo strategici” necessari a difendere gli interessi cinesi e a proiettare la propria influenza politica e militare nelle “regioni influenti”[2].

Di fronte alle rinnovate ambizioni cinesi, nel 2004 la Booz Allen Hamilton, società di consulenza americana, coniò il concetto di “strategia del filo di perle” per descrivere la volontà cinese di dar vita ad una “collana” in grado di isolare l’India, proteggere gli approvvigionamenti energetici e commerciali e aumentare la presenza nell’Indo-Pacifico. Le perle più pregiate di questa collana vanno individuate nei quattro porti ad uso duale (civile e militare) di Gwadar, Doraleh, Hambantota e Kyaukphyu, rispettivamente in Pakistan, Gibuti, Sri Lanka e Myanmar, quattro Stati fortemente coinvolti nella BRI. I primi due hanno una valenza strategica alla luce della propria vicinanza al Medio Oriente, mentre gli ultimi svolgono un ruolo chiave nel settore dell’Indo-Pacifico.

Il porto pakistano ricopre innanzitutto un ruolo fondamentale dal punto di vista economico in quanto costituisce il punto di arrivo del Corridoio Economico Cina-Pakistan e il punto di partenza dell’oleodotto che porterà nello Xinjiang il petrolio del Golfo Persico, consentendo a Pechino di evitare il turbolento Stretto di Malacca, attraverso cui passa l’80% del petrolio importato dalla Cina. Dal punto di vista militare la base di Gwadar rappresenta un asset strategico di primaria importanza poiché vicino al Golfo Persico e allo Stretto di Hormuz, dal quale transita più del 20% dell’intera produzione mondiale di idrocarburi; inoltre, offre la possibilità di accerchiare il nemico indiano anche da Ovest.

Sebbene il porto sia stato acquistato dalla Cina con lo scopo iniziale di utilizzarlo come scalo commerciale, le immagini satellitari sollevano dubbi su quale sarà la vera funzione della struttura; infatti, dal 2019 è possibile notare come nel territorio circostante al porto siano stati costruiti almeno tre compound e allestite misure di sicurezza inusuali per un banale porto commerciale. Altri rapporti indicano invece la volontà cinese di costruire basi navali e aeree anche sulla penisola di Jiwani, a circa 50 km da Gwadar, mossa che avvicinerebbe ancora di più la Cina al Golfo Persico e soprattutto al porto di Chabahar, punto strategico per l’India in Iran.

La base più importante è senza dubbio quella di Doraleh, costruita tra il 2016 e il 2017 in Gibuti, piccolo e poverissimo Stato del Corno d’Africa ma situato in una posizione geografica altamente strategica. Il Paese, infatti, siaffaccia sullo stretto di Bab el- Mandeb, uno dei principali “colli di bottiglia” al mondo che rappresenta un passaggioobbligatorio per le navi militari e cargo che dall’Asia transitano verso il Canale di Suez e viceversa. In un mondosempre più collegato e globalizzato in cui la Cina ha assunto il ruolo di “fabbrica del mondo”, controllare un punto nevralgico dell’economia mondiale è di fondamentale importanza per la RPC.

Presentata da Pechino come una struttura logistica necessaria a condurre le missioni antipirateria nel Golfo di Aden e per offrire riparo ai cargo cinesi che operano sulle rotte around world, rappresenta in realtà la prima base militare del PLA (People’s Liberation Army) al di fuori dei confini cinesi. Questa base ospita le forze speciali e i marines cinesi che addestrano le forze locali, possiede eliporti e piste per gli aerei e, dopo i lavori di ampliamento che dovrebbero terminare nel 2026, potrà ospitare le portaerei e oltre 10.000 soldati, circa il doppio di quelli stanziati dagli USA nel Paese.

Il Comandante del U.S. Africa Command, Stephen Townsend, ha avvertito che l’acquisizione di questa base consentirà a Pechino di proiettare il proprio potere nella regione e rappresenta una delle perle che formano la collana di basi con cui la RPC mira a controllare una vasta area triangolare di Oceano Indiano tra Gibuti, Pakistan e Sri Lanka.     

Hambantota è un altro punto di enorme interesse strategico per la RPC sia economicamente sia militarmente. La posizione nell’estremo Sud dello Sri Lanka gli conferisce la definizione di “faro dell’Oceano Indiano” e consentirà alla PLAN (People Liberation Army Navy) di sorvegliare le affollatissime linee di comunicazione e di transito commerciale. Allo stesso tempo, la posizione geografica costituisce una spina nel fianco per l’India che risulta sostanzialmente accerchiata e con gravi dilemmi securitari.

Teoricamente, nel contratto stipulato con la Cina non era previsto alcun tipo di utilizzo militare del porto; teoricamente, dato che a causa del mancato pagamento del debito nei confronti delle banche cinesi, nel 2017 la Cina ha requisito il porto e il suo retroterra per 99 anni e, potendo disporne a proprio piacimento, ci si aspetta che in futuro possa offrire un ulteriore punto di stazionamento per le navi militari e commerciali cinesi[3].

Il porto di Kyaukphyu è un’altra perla che la Cina ha ottenuto e che ha in mente di utilizzare in maniera duplice. Anche in questo caso, la scelta del luogo non è stata casuale dato che si affaccia sul Golfo del Bengala e permetterà alla Cina di vigilare la linea marittima che conduce allo Stretto di Malacca. Il secondo motivo che ha portato la Cina a investire nella zona è che proprio da Kyaukphyu parte l’oleodotto che termina nella provincia cinese dello Yunnan e che è funzionale a risolvere, almeno in parte, l’annoso “Dilemma di Malacca”[4].

Sembra difficile che la Marina cinese possa arrivare nel breve periodo a stazionare nel porto, anche a causa della Costituzione del Myanmar che impedisce la permanenza di truppe straniere in territorio nazionale; nonostante ciò, vari analisti credono che in futuro l’opacità dei contratti stipulati oltre all’effettivo strapotere cinese possa comportare un utilizzo del porto anche a scopo militare.

Alla luce della rinnovata competizione tra due superpotenze come gli Stati Uniti e la Cina, la BRI assume sempre più importanza non solo per le proprie componenti economiche e commerciali ma anche dal punto di vista militare e strategico. Per queste ragioni negli ultimi anni i paesi occidentali, così come anche altre nazioni asiatiche, hanno messo sotto la lente di ingrandimento le azioni compiute dalla Cina nell’ambito della BRI. Ci si aspetta che nel medio periodo Pechino possa acquisire ulteriori basi e punti di approdo sufficienti a proiettare in maniera decisa la forza militare nel settore dell’Indo-Pacifico; se così fosse entreremmo in un’autentica nuova era in cui il dominio oceanico a stelle e strisce potrà essere seriamente sfidato dalla Repubblica Popolare Cinese.


[1] Alfred T. Mahan, “L’influenza del potere marittimo sulla storia”, 1890.

[2] Shou Xiaosong, “Science of Military Strategy.” Beijing: Military Science Publishing, as cited in Kardon, Testimony Before the U.S.-China Economic and Security Review Commission.”

[3] Daniel R. Russel e Blake H. Berger, Weaponizing the Belt and Road Initiative, “Asia Society Policy Institute”, 09/2020 pp. 24-26.

[4] Lo stretto di Malacca si affaccia sulle acque territoriali di Malesia, Indonesia e Singapore e le sue strettoie e i nascondiglinaturali offrono condizioni favorevoli per l’attività piratesca, oltre che la possibilità per i Paesi citati di turbare i commerci. Daquesto punto transita l’80 % del petrolio importato dalla Cina e per questo motivo si parla di “dilemma” nell’ambitodell’approvvigionamento energetico.

Latest from DIFESA E SICUREZZA