L’AVVIO DEI NEGOZIATI DI ADESIONE ALL’UE DI ALBANIA E NORD MACEDONIA

3 mins read
Fonte Immagine: Euronews

Lo scorso 19 luglio, dopo ben 3 anni di stallo nelle negoziazioni, Albania e Macedonia del Nord hanno avviato il processo di negoziato, un ulteriore passo nella direzione dell’adesione all’Unione europea.

Il prossimo passo sarà l’esame dell’acquis dell’UE, che consentirà ad Albania e Macedonia del Nord di familiarizzare con i diritti e gli obblighi europei, dai trattati agli accordi internazionali. 

La stessa Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea, nel suo discorso, ha annunciato che verranno aperti due capitoli paralleli che approfondiranno alcune aree critiche nei due candidati. Da un lato, «l’Albania entrerà nel Meccanismo di protezione civile dell’UE,[per aumentare] la resilienza ai disastri naturali come inondazioni, incendi boschivi o terremoti». Dall’altro lato, la Macedonia del Nord negozierà un accordo con Frontex «per rafforzare la cooperazione in materia di migrazione». 

Mentre i due Paesi implementeranno l’acquis comunitario, si svilupperanno i settori del commercio, dell’energia, dei trasporti e l’utilizzo dei fondi europei.

Ma è bene fare un passo indietro; perché sono passi 3 anni dalla concessione dello status di Paese candidato? 

Macedonia del Nord e Albania sono Paesi candidati all’adesione all’Unione rispettivamente dal 2005 e dal 2014. Il processo per Tirana, in realtà, si è bloccato a causa di impedimenti legati al processo di adesione di Skopje che è stato ostacolato dapprima (fino al 2018) dalla Grecia, per la contesa identitaria che ebbe fine solo con gli Accordi di Prespa che sanciscono il cambio di identità dell’ “ex Repubblica jugoslava di Macedonia” (Fyrom) in Repubblica della Macedonia del Nord. Nonché, dopo il consenso da parte degli Stati membri al Consiglio del 25-26 marzo 2020 di procedere coi negoziati, è arrivato il veto al loro avvio da parte della Bulgaria per questioni storiche e culturali, in particolare legate alla lingua macedone e al riconoscimento della minoranza bulgara in Macedonia del Nord. 

Tuttavia, sbloccata, ad oggi, la situazione, non ci sono certezze relativamente alle tempistiche di adesione di Albania e Macedonia del Nord, in quanto il successo dei negoziati dipende esclusivamente dalla rapidità con cui i Paesi riescono a garantire l’applicazione delle leggi e dei regolamenti dell’UE.

Latest from EUROPA