CHE FINE FARANNO LE ARMI FORNITE ALL’UCRAINA? NEGLI USA COMINCIANO A CHIEDERSELO

9 mins read

Il presidente Biden dovrebbe firmare un pacchetto di assistenza alla sicurezza da 40 miliardi di dollari nei prossimi giorni che sovralimenterà il flusso di missili, razzi, artiglieria e droni verso un’Ucraina devastata dalla guerra. Ma ciò che rimane poco chiaro è la capacità di Washington di tenere traccia delle potenti armi mentre entrano in uno dei più grandi centri di traffico in Europa.

Il volume d’affari del mercato nero delle armi in Ucraina è aumentato vertiginosamente già dal 2014, da quando separatisti e battaglioni/milizie para militari, hanno iniziato a darsi battaglia nel Donbass.

L’afflusso senza precedenti di armi ha suscitato timori, sopratutto oltre Oceano, che alcune attrezzature pL’afflusso senza precedenti di armi ha suscitato timori, sopratutto oltre Oceano, che alcune attrezzature possano cadere nelle mani degli avversari dell’Occidente o riemergere in conflitti lontani per i decenni a venire. “È semplicemente impossibile tenere traccia non solo di dove stanno andando tutti e chi li sta usando, ma di come vengono utilizzati”, così ha sintetizzato Rachel Stohl, esperta di controllo degli armamenti e vicepresidente dello Stimson Center

A rassicurare l’opinione pubblica di una possibile “fuoriuscita” di materiale bellico dal territorio Ucraino, ci ha pensato un portavoce del Dipartimento di Stato che ha affermato che gli Stati Uniti hanno condotto un controllo approfondito delle unità ucraine che riforniscono, costringendo Kiev a firmare accordi che “non consentono il trasferimento di attrezzature a terzi senza previa autorizzazione del governo degli Stati Uniti“. Ma i mezzi per far rispettare tali contratti sono relativamente deboli dato che non vi è una presenza sul territorio ucraino di personale militare USA.

È evidente che tali accordi possano essere violati con facilità, basti citare come a metà aprile del 2022, un mese dopo l’inizio dell’invasione, gli Stati Uniti aumentando il coinvolgimento nel conflitto ucraino, hanno annunciato che avrebbero trasferito una flotta di elicotteri Mi-17 in Ucraina. Questi elicotteri, però, erano stati originariamente acquistati dalla Russia circa un decennio fa nell’ambito di alcune operazioni portate avanti dal Pentagono nel Caucaso per contrastare gruppi islamici estremisti. Al momento della vendita fu firmato un contratto che garantiva alla Russia che gli elicotteri non sarebbero stati trasferiti a nessun paese terzo “senza l’approvazione della Federazione Russa”

La Russia ha denunciato il trasferimento degli elicotteri in Ucraina, sostenendo che “viola gravemente i fondamenti del diritto internazionale“. In merito alle specifiche rimostranze poste dal Cremlino, Jeff Abramson, esperto di trasferimenti di armi convenzionali presso la Arms Control Association, sostiene che bisogna scindere il diritto internazionale – che giustamente condanna l’aggressione russa e sostiene ogni tipo di supporto militare all’Ucraina – dalla violazione dei contratti di armi che tutela le fondamenta degli sforzi di controproliferazione. In breve, Jeff Abramson dice “giusto aiutare l’Ucraina ma non violando i contratti sulla vendita di armi”.

Oltre a questo, il compito di garantire che le armi statunitensi vengano utilizzate per lo scopo previsto – una responsabilità congiunta dei dipartimenti di Stato e Difesa – è reso ancora più difficile dall’enorme volume di armi che si dirigono verso l’Ucraina.

Gli USA in Ucraina hanno già mandato 1.400 sistemi antiaerei Stinger, 5.500 missili anticarro, 700 droni Switchblade, 90 sistemi di artiglieria Howitzers a lungo raggio, 7.000 armi leggere, 50.000.000 colpi di munizioni e numerose altre mine, esplosivi e sistemi missilistici a guida laser. Anche altri paesi della NATO hanno trasferito miliardi di dollari in armi ed equipaggiamento militare dall’inizio delle ostilità.

L’assistenza supera l’anno di punta dell’assistenza militare statunitense alle forze di sicurezza afghane durante quei 20 anni di guerra“, ha detto William Hartung, esperto di controllo degli armamenti presso il think tank del Quincy Institute. “In quel caso gli Stati Uniti avevano una presenza importante nel paese che ha creato almeno la possibilità di rintracciare dove stavano finendo le armi. In confronto, il governo degli Stati Uniti sta volando alla cieca in termini di monitoraggio delle armi fornite alle milizie civili e ai militari in Ucraina”. Il pericolo è che questi tipi di armamenti possano essere rubati, venduti o scambiati con altra merce dai soldati o miliziani ucraini con elementi o membri che appartengono ad organizzazioni/gruppi ostili all’occidente.

Ad esempio, i missili Stinger a spalla, in grado di abbattere aerei di linea commerciali, sono solo uno dei sistemi d’arma che gli esperti temono possano scivolare in possesso di gruppi terroristici che cercano di realizzare eventi con vittime di massa.

La storia dell’Ucraina come centro per il traffico di armi risale alla caduta dell’Unione Sovietica, quando l’esercito sovietico ha lasciato grandi quantità di armi leggere e di piccolo calibro in Ucraina senza un’adeguata tenuta dei registri e controllo delle scorte. Secondo lo Small Arms Survey, un’organizzazione di ricerca con sede a Ginevra, una parte dei 7,1 milioni di armi leggere dell’esercito ucraino in magazzino nel 1992 “sono state deviate verso aree di conflitto” sottolineando “il rischio di perdite nel mercato nero locale”.

Il problema è diventato più grave dopo il 2014, quando i combattenti di entrambe gli schieramenti (indipendenti – milizie para militari) hanno saccheggiato armi e strutture di stoccaggio di munizioni dei ministeri dei servizi di sicurezza, interni e difesa ucraini. “I combattenti irregolari di entrambe le parti hanno progressivamente ottenuto l’accesso a una vasta gamma di attrezzature di livello militare, tra cui l’intero spettro di armi leggere e di piccolo calibro”, secondo un rapporto dello Small Arms Survey nel 2017. “I funzionari hanno stimato che almeno 300.000 armi leggere e di piccolo calibro sono state saccheggiate o perse tra il 2013 e il 2015”, fornendo un vantaggio sul mercato nero del paese gestito da gruppi in stile mafioso nella regione del Donbass e in altre reti criminali.

Il governo degli Stati Uniti è ben consapevole delle sfide poste nel paese con la proliferazione delle armi, anche se è stato vago nel descrivere le precauzioni che sta prendendo. Settimane dopo l’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio, un gruppo di funzionari interagenzia dell’amministrazione Biden si è incontrato con esperti esterni di controllo degli armamenti per discutere del rischio di proliferazione di armi leggere nel conflitto. 

Non è chiaro quali misure di mitigazione del rischio o monitoraggio abbiano adottato gli Stati Uniti e altri paesi, o quali garanzie abbiano ottenuto, per garantire la protezione dei civili attraverso questi trasferimenti molto grandi”, ha affermato Annie Shiel, consulente senior presso il Center for Civilians in Conflict.

Inoltre non va sottovalutata la presenza di combattenti/mercenari stranieri nel conflitto ucraino; con la presenza di terze parti all’interno del conflitto si corre il rischio, più che concreto, che le armi tornino nei paesi e nelle aree di origine (Caucaso – Medio Oriente) di quegli individui che ivi si sono recati per combattere quando il conflitto cesserà. Ci sono rapporti contrastanti sulla presenza di combattenti stranieri in Ucraina, tuttavia, non è chiaro esattamente quanti realmente siano effettivamente giunti sul territorio.

La mancanza di informazioni ha stimolato le richieste di risposte da parte dell’amministrazione e l’attenzione del Congresso. “Alcune delle armi fornite nel conflitto in Ucraina saranno probabilmente trovate dopo anni o forse decenni dopo“, ha detto Abramson. “I leader del Congresso dovrebbero porre queste domande, in briefing classificati se necessario, e il pubblico dovrebbe essere meglio informato”.

Latest from RUSSIA E CSI ANALISI