BIDEN VUOLE CAMBIARE LE REGOLE SULL’OSTRUZIONISMO DEL SENATO

Fonte Immagine: https://www.nytimes.com/2022/01/11/us/politics/biden-filibuster-voting-rights.html

Il presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden ha annunciato di voler modificare alcune regole del Senato al fine di favorire l’approvazione di una nuova legislazione sui diritti di voto.

La richiesta del presidente americano Biden ha come obiettivo quello di approvare due leggi che consentano di assicurare l’accesso al voto ad ogni cittadino. Il motivo principale è dato dal fatto che molti stati conservatori hanno emanato delle riforme che non permettono l’accesso al voto agli afroamericani. Il presidente ha recentemente tenuto un discorso rivolto ad un gruppo di quattro college e università con studenti prevalentemente afroamericani, affermando che la promozione all’uguaglianza razziale ed un equo accesso al voto sono i principi fondamentali a cui si ispira.

I leader dei diritti civili hanno esortato Joe Biden ed i Democratici del Senato ad agire concretamente sul diritto di voto degli americani e di considerare la questione con priorità assoluta. Essi chiedono infatti al Senato di approvare due leggi, il John Lewis Voting Rights Advancement Act e il Freedom to Vote Act.

La prima legge ristabilirebbe gli elementi antidiscriminatori del Voting Rights Act del 1965, i quali sono stati aboliti dalla Corte Suprema nel 2013. La seconda è un disegno di legge introdotto dai Democratici, nonché una versione rielaborata del For the People Act, il quale consiste in una serie di misure volte a difendere la libertà di voto di tutti i cittadini americani ad ogni singola elezione, tra cui l’espansione e la tutela del voto per posta, la registrazione automatica degli elettori lo stesso giorno e la protezione dalle intimidazioni elettorali.

Tuttavia, i repubblicani hanno affermato che la legislazione sui diritti di voto è un espediente utilizzato dai democratici al fine di trarre un vantaggio di parte e che tali disegni di legge ostacolerebbero il diritto che gli stati hanno di gestire le proprie elezioni. Anche i senatori democratici Kyrsten Sinema dell’Arizona e Joe Manchin III del West Virginia non si sono mostrati favorevoli alla modifica delle regole sull’ostruzionismo.

Il Senato dovrà votare sulle modifiche all’ostruzionismo e sui diritti di voto entro la festa federale per celebrare il compleanno di Martin Luther King Jr., dunque entro il prossimo martedì. 

Giuliana Pellegrino

Nata a Catania nel 1989, è laureata in Politica e Relazioni Internazionali presso l’Università di Catania con tesi sull’analisi delle micro-dinamiche del terrorismo internazionale. Ha successivamente conseguito la laurea magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche con lode alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Siena con tesi in protezione internazionale dei diritti umani su “Il ruolo della vittima dinnanzi alla Corte Penale Internazionale: un’importante evoluzione nella repressione dei crimini internazionali”. Ha partecipato al programma Erasmus+ a Leuven, in Belgio, dove ha frequentato la facoltà di criminologia alla KU Leuven per sei mesi. Appassionata di diritti umani e di politica internazionale, è stata ospite in una trasmissione TV locale per discutere dei recenti sviluppi geopolitici mondiali. Da novembre 2020 collabora con IARI come analista geopolitico e da settembre 2021 è membro della redazione USA&Canada.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from USA E CANADA