SISTEMA FISCALE INTERNAZIONALE: RAGGIUNTA L’INTESA IN SEDE OCSE

Fonte Immagine: Credits: https://www.reuters.com/business/oecd-says-deal-global-minimum-corporate-tax-rate-has-been-reached-2021-10-08/

«Ben 136 dei 140 membri del Quadro Inclusivo Ocse/G20 aderiscono all’accordo per riformare il sistema fiscale internazionale e renderlo più giusto e affinché possa funzionare meglio». Con queste parole il Segretario Generale dell’OCSE, Mathias Cormann, comunica il raggiungimento di un’intesa definitiva sulla minimum global tax. 

L’accordo storico firmato in sede OCSE prevede una riforma del sistema fiscale internazionale, volto alla revisione delle regole che stabiliscono dove e quanto le multinazionali devono pagare sulla base di determinati criteri e, in secundis, all’introduzione di un’aliquota fiscale minima del 15% per le società.

Il piano approvato è dunque suddiviso in due pilastri: il primo propone di riassegnare parte del gettito fiscale delle imprese più grandi e con elevati tassi di redditività ai Paesi in cui si realizza effettivamente il profitto, il secondo prevede un’imposta minima effettiva globale.

PILASTRO A

Considerando che fino ad ora il criterio adottato per la tassazione riguardava esclusivamente la sede centrale delle società piuttosto che il mercato in cui le vendite si realizzavano, il nuovo accordo incide certamente sulla giurisdizione di mercato e sui trattati fiscali bilaterali tra Paesi che evitavano la doppia imposizione.

Si è dunque deciso che il 25% dei profittiresidui di un piccolo gruppo delle società più grandi e redditizie sarà tassabile nelle giurisdizioni in cui le società hanno mercati reali.

Tuttavia, l’impatto di tale regola potrebbe non essere uniforme su ogni giurisdizione di mercato, per cui si rende necessaria una Convenzione multilaterale che definisca nel dettaglio un progetto di riallocazione dei profitti, convenzione che già l’OCSE vorrebbe aprire alle firme a metà del 2022.

Un accordo internazionale permetterebbe inoltre di abrogare le tasse digitali unilaterali che alcuni Paesi hanno introdotto negli anni passati contribuendo ad una escalation nella guerra commerciale dell’ultimo quadriennio. 

PILASTRO B

Il quadro normativo che disciplina la tassazione delle multinazionali al 15% non è ancora stato completato; tuttavia, tale imposta sarebbe legata a criteri quali l’inclusione del reddito, i pagamenti sotto-tassati e l’assoggettamento a imposta. Disposizioni complete in merito saranno fornite alla fine di novembre 2021. 

Il calendario proposto dall’OCSE per ultimare i lavori e attuare il piano entro il 2023 è estremamente ambizioso, ma sembra aver sottovalutato i nodi politici da sciogliere. 

Dall’Unione Europea arriva la soddisfazione per il ritrovato multilateralismo, anche il Segretario al Tesoro USA ha espresso il proprio orgoglio per “il traguardo irrepetibile per la diplomazia economica”, ma proprio il Congresso degli Stati Uniti non ha mai nascosto i dubbi relativi ad un piano che penalizzerà soprattutto le società statunitensi.

L’intesa raggiunta in sede OCSE sarà discussa dai Ministri dell’Economia del G-20 al prossimo vertice di Roma del 30-31 ottobre. 

Mariagrazia Sulfaro

Classe 1999, ha conseguito una laurea triennale con lode in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l’Università degli Studi di Messina, dove ha presentato una tesi in diritto internazionale relativa alla Successione degli Stati nei Trattati, con un’analisi specifica dello smembramento della Cecoslovacchia.
Dopo un periodo di mobilità internazionale per studio e ricerca tesi alla Česká Zemědělská Univerzita V Praze, in Repubblica Ceca, ha svolto un tirocinio in International Relations a Madrid, attraverso il quale si è approcciata al settore delle relazioni commerciali internazionali.
Sta attualmente svolgendo un Master in Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy, mentre prosegue gli studi del corso magistrale in Relazioni Internazionali presso l’Ateneo messinese.
Membro della redazione diritto IARI, scrive di fatti e dinamiche governati dal diritto internazionale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from LAW & RIGHTS