IN COLOMBIA ERGASTOLO PER I PEDOFILI

Il rapporto annuale di Save the Children del 2019 ci dice che la Colombia si classifica tra i primi paesi al mondo ad essere più violenti nei confronti dei bambini: la pedofilia è un fenomeno estremamente comune in particolare all’interno delle famiglie. 

Giugno 2020. Il parlamento colombiano vota a favore all’unanimità con 77 voti favorevoli affinché l’articolo 34 della Costituzione possa essere modificato e prevedere così l’ergastolo per coloro i quali uccidono e stuprano i bambini e ragazzi -minori di 14 anni. 

Quando il Presidente Duque ha annunciato tale decisione -che a lui sta particolarmente a cuore e ci lavora su sin dal suo insediamento nel 2018- non tutti hanno preso la notizia con l’entusiasmo dovuto. 

Infatti, l’opinione pubblica contraria -che sembra comunque essere in minoranza- asserisce che la reclusione a vita non rappresenti affatto una soluzione per debellare il fenomeno. 

Chiaro è che coloro i quali sostengono la legge pensano che invece sia un ottimo deterrente per tali crimini così efferati.  

In realtà, anche in Parlamento ci sono stati dei problemi: 30 parlamentari hanno infatti lasciato la seduta al fine di boicottare il provvedimento sostenendo che fosse “populista, inefficace ed impopolare”. 

In effetti, la Corte Costituzionale potrebbe rovesciare il provvedimento in quanto essa -in ottemperanza della Costituzione che proibisce in qualunque caso l’ergastolo come pena- possa quindi dichiararla incostituzionale. 

Tuttavia, il governo colombiano ha ancora un anno di tempo per presentare il disegno di legge e la legge atta a modificare la Costituzione. 

Nonostante la questione stia parecchio a cuore a molti colombiani, ancora non ci sono nuove dal Paese latino. 

In conclusione, un aspetto importante da tenere in considerazione è il clima di violenza e instabilità in cui vive la società colombiana. Tali provvedimenti risultano fondamentali per dare una svolta e avvio ad un processo di evoluzione tanto giuridica quanto sociale. Ciò consentirebbe al Paese un futuro che tenga in considerazione prima di tutto i diritti umani e, di conseguenza, porre le basi per un grande sviluppo economico, sociale e politico.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from AMERICA LATINA

LA GUERRA DEI MILLE GIORNI

Conclusosi il sogno boliviano la Colombia ottocentesca si ritrovò ad affrontare tese e articolate dinamiche interne.