BRASILE E ARGENTINA, DUE ECONOMIE A CONFRONTO

La previsione di crescita del PIL del Brasile per il 2021 può generare un impatto positivo sull’economia della vicina Argentina?

La previsione di crescita economica del Brasile, prevista dal Banco Central  brasiliano nel 2021 di circa il 3,5% (dati aggiornati a febbraio 2021) puo’ generare un impatto positivo sull’economia della vicina Argentina, che vive un periodo di pandemia e recessione economica.

Il Brasile di fatto rappresenta da più di 30 anni il maggior mercato delle esportazioni dell’Argentina, da 25 anni ne è il primo fornitore (circa un quinto del commercio internazionale argentino deriva dal gigante sudamericano) ed è inoltre il paese che più invia turisti nel paese guidato da Fernández.

Una crescita del PIL brasiliano implica un maggior acquisto di beni e servizi provenienti dall’Argentina, e può inoltre contribuire a poter favorire l’accesso a una maggiore internazionalizzazione (maggiori investimenti stranieri) del vicino sudamericano. Come spiega Rajnerman, capo economista di Ecolatina, ‘negli ultimi 35 anni solo 2 volte l’Argentina è cresciuta mentre l’attività brasiliana era in calo,’ ciò dimostra la forte relazione tra le due economie sudamericane

Nonostante le relazioni commerciali possano nel corso del tempo aver subito degli alti e bassi (per ragioni politiche, principalmente), le due economie sembrano aver continuano silenziosamente a mantenere stretti rapporti, tanto che una prevista crescita dell’economia brasiliana per quest’anno può generare una vera e propria forza d’urto che sicuramente potrà apportare benefici economici rilevanti alla vicina Argentina.

Nonostante le relazioni economiche e commerciali con il Brasile risultino importanti, e c’è chi sostiene la teoria del cosidetto ‘effetto brasile’, risulta ancora di più ricordare che il miglioramento o peggioramento dell’economia del paese di Fernández dipende maggiornmente dai problemi macroeconomici interni del paese.

L’Argentina, in una crisi che non sembra aver fine, nel 2020 ha registrato una contrazione dell’economia del 10% (una delle peggiori del continente sudamericano), ha un’inflazione elevatissima pari al 38,5%, la sua moneta (peso) continua a perdere valore ed è attualmente il principale debitore del FMI. Tuttavia, nulla sembra perduto, per il 2021 infatti il Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita dell’economia del paese del 4,5%.

Nicole Bruttomesso

Nicole Bruttomesso è analista e membro della redazione geopolitica dello IARI, scrive per la sezione “America Latina” occupandosi principalmente di geopolitica sudamericana.

Nicole Bruttomesso is an Italian political analyst and member of the editorial staff of the Institute of International Relations Analysis (IARI). She writes for the Latin American section, focusing mainly on South American geopolitics.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from AMERICA LATINA