LO ‘SCANDALO DEI VACCINI’ SCUOTE IL PERÚ

A pochi mesi dalle elezioni presidenziali di aprile, un nuovo scandalo scuote il Perù. L’ex presidente Vizcarra ed altri funzionari politici avrebbero ottenuto in largo anticipo le dosi del vaccino contro il Covid-19. 

Dopo le varie crisi istituzionali e le dimissioni di tre presidenti della Repubblica, un altro scandalo scuote il PerùIl Paese, uno dei più colpiti in America Latina dal Covid-19 – con più di 1.24 milioni di infetti e 44.000 decessi – ha dato inizio alla campagna vaccinale. 

Ad inizio febbraio il Presidente della Repubblica ad Interim Fracesco Sagasti ha annunciato l’arrivo dalla Cina di 700.000 dosi del primo lotto di vaccini. Secondo il piano di vaccinazione peruviano, in questa prima fase sarà data priorità agli operatori sanitari e professionisti operanti nel settore, al personale delle Forze Amate, Croce Rossa e studenti di medicina. 

L’arrivo del vaccino nel Paese, però, ha dato il via ad una serie di denunce che ha portato al “Vacuna-gate” (dallo spagnolo vacuna, vaccino). Lo scandalo riguarda diversi alti funzionari del governo, in primis l’ex presidente Martín Vizcarra, accusati di aver ricevuto in anticipo le dosi del vaccino del laboratorio cinese Sinopharm.

Da quanto emerso, l’ex presidente si sarebbe sottoposto alla vaccinazione nel mese di ottobre 2020, quando era ancora alla guida del Paese andino. Lo scandalo, però, non ha riguardato solo l’amministrazione uscente ma anche i ministri del governo di Sagasti, il quale, dopo aver manifestato la sua indignazione per l’accaduto ha chiesto le dimissioni della ministra della salute Mazzetti, della Cancelliera Astete e di altri ministri della Repubblica, rei di aver ricevuto in anticipo le dosi del vaccino.  

Secondo la lista pubblicata dal governo, sono 487 i soggetti che avrebbero goduto della vaccinazione prioritaria tra i quali figurano, oltre ai politici, i coniugi di alcuni deputati, il medico di famiglia di Alberto Fujimori (l’ex dittatore peruviano), il nunzio apostolico Girasoli ed i rettori di due università peruviane. 

Il Congresso ha immediatamente nominato una commissione d’inchiesta per determinare la responsabilità di queste vaccinazioni; contemporaneamente, la Fiscalia (Procura Generale) ha avviato un’indagine preliminare contro Vizcarra per presunti reati contro la Pubblica Amministrazione, collusione nonché per abuso d’ufficio. 

Giorgia D'Alba

Sono Giorgia e per IARI mi occupo di America Latina.
Nata a Lecce nel 1995, ho conseguito con il massimo dei voti prima la laurea triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali e successivamente la laurea magistrale in Scienze Internazionali presso l’Università di Torino. Ho studiato a Lisbona e a Buenos Aires ed ho partecipato ad un progetto di ricerca presso l’Istituto Sociale del Mercosur in Paraguay.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from AMERICA LATINA