LE AMBIZIONI REGIONALI DELL’EGITTO

Gli ultimi incontri diplomatici delle autorità egiziane mettono in luce la crescente volontà del Cairo di rafforzare il suo ruolo di key player nel Mediterraneo orientale, ma a quale prezzo?

Giovedì scorso il primo ministro della Giordania, Bisher Al-Khasawneh, ha incontrato il presidente egiziano Abd Al-Fattah Al-Sisi per discutere della cooperazione tra i due paesi in ambito economico securitario. In primo piano: la gestione delle risorse energetiche del Mediterraneo Orientale e la lotta al terrorismo. Due direttrici attorno a cui ruota la politica intera ed estera del Cairo. Nell’incontro in questione i due paesi hanno ribadito il loro impegno congiunto nella questione palestinese, nella crisi libica nonché nella ricostruzione dell’Iraq.

A partire dal 2019 i rapporti tra Egitto, Giordania e Iraq sono diventati sempre più forti. A fine ottobre scorso Il Cairo e Baghdad hanno firmato  15 memorandum d’intesa con lo scopo di rafforzare le relazioni bilaterali in diversi settori. Uno degli accordi vede le aziende private egiziane, in gran parte controllate dall’esercito, impegnarsi nella realizzazione di progetti di carattere edilizio e infrastrutturale nella terra dei due fiumi. Dal suo canto Baghdad ha posto come merce di scambio la principale risorsa del paese, il petrolio, che venderà all’Egitto per rispondere alle esigenze di una popolazione in continua crescita demografica.

Poco giorni prima dell’incontro tra Al-Khasawneh e Al-Sisi, il Ministro degli Affari Esteri egiziano, Sameh Shouky, ha incontrato la sua controparte greca Nikos Dendias. I due hanno ribadito la cooperazione tra il Cairo e Atene nelle crisi in corso Mediterraneo Orientale in chiara funzione antiturca. In tale occasione la Grecia ha ratificato la Carta del East Mediterranean Gas Forum (EMGF).

Questi incontri diplomatici mettono in luce la crescente volontà del Cairo di porsi come key player nel Mediterraneo Orientale, e non solo in ambito energetico, ottenendo in cambio dai suoi alleati aiuti militari e finanziari che andranno a rafforzare i perni della macchina statale egiziana: il presidente Al-Sisi e l’esercito. Lo scopo? Massimizzare gli interessi nazionali e guadagnare credibilità politica al livello regionale, ma senza superare le fragilità interne del paese.

Nicki Anastasio

Sono Nicki Anastasio, ho 23 anni e studio presso la facoltà di relazioni e istituzioni dell’Asia e dell’Africa presso l’Orientale. Da quasi cinque anni vivo a Napoli, per studio e lavoro, ma sono originario della Costiera Amalfitana. Negli ultimi tre anni, ho fatto due esperienze studio in Marocco e in Egitto che mi hanno permesso di approfondire lo studio della lingua araba e della cultura dei paesi arabo-islamici, di cui sono affascinato sin da piccolo. Dopo aver conseguito la laurea triennale in mediazione linguistica e culturale, ho ritenuto che analizzare le complesse dinamiche geo-politiche che caratterizzano i paesi della macro area medio-orientale fosse il proseguimento più naturale e spontaneo dei miei studi. Ritengo che per comprendere le ragioni alla base della perenne instabilità dell’area più calda del mondo sia necessario costruire una genealogia della crisi di legittimità che caratterizza gran parte dei suoi stati, considerando le specificità storico-culturali e socio-economiche di ogni contesto nazionale. Sono molto fiero di far parte dello IARI, una comunità di analisti unica nel suo genere.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from MEDIO ORIENTE DAILY