AMERICA LATINA, DIRITTI UMANI E SVILUPPO SOSTENIBILE

Con la ratifica di Messico ed Argentina si è raggiunto finalmente il numero necessario di Stati Parte per procedere all’entrata in vigore dell’Accordo di Escazú prevista per il 22 aprile 2021.

Con la ratifica di Messico e Argentina presso la sede delle Nazioni Unite a New York il 22 gennaio 2021, si è finalmente raggiunto il numero necessario di Stati Parte per procedere all’entrata in vigore dell’Accordo Regionale sull’accesso a l’informazione, partecipazione pubblica e giustizia in ambito ambientale in America Latina e Caraibi, denominato Accordo di Escazú. Come prevede l’articolo 22 del Trattato, l’Accordo può entrare in vigore dopo 90 giorni dalla ratifica, dunque esattamente il 21 aprile 2021, nel giorno in cui si celebra la Giornata Internazionale della Madre Terra.

 Come ha affermato la Segretaria Esecutiva della Commissione Economica per l’America Latina e Caraibi (CEPAL), Alicia Bárcena, ‘l’America Latina e Caraibi con questo Accordo celebrano il loro impegno per lo sviluppo sostenibile e per i diritti umani, in un momento in cui, vista l’attuale situazione di complessità e incertezza a livello mondiale, è indispensabile rafforzare la cultura del dialogo per poter promuovere i cambiamenti necessari che possono assicurare un recupero in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite’.

Perché è importante l’Accordo di Escazú?

Il 4 Marzo 2018 è stato adottato ad Escazú, in Costa Rica, l’Accordo di Escazú, che pretende assicurare l’accesso alle informazioni, la partecipazione pubblica nei processi decisionali e l’accesso alla giustizia in ambito ambientale, oltre a garantire la protezione del diritto di ogni persona di vivere in un ambiente sano e lo sviluppo sostenibile. È importante perché è l’unico trattato vincolante della Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio+20), il primo Accordo regionale ambientale dell’America Latina e Caraibi ed il primo Trattato al mondo che contiene norme specifiche che tutelano i difensori dei diritti umani in ambito ambientale. L’Accordo è stato firmato da 24 Paesi latinoamericani, ma ratificato solo da 12. Tra i grandi assenti del continente sudamericano ci sono il Brasile, il Paraguay, la Colombia e il Perù. 

Nicole Bruttomesso

Nicole Bruttomesso è analista e membro della redazione geopolitica dello IARI, scrive per la sezione “America Latina” occupandosi principalmente di geopolitica sudamericana.

Nicole Bruttomesso is an Italian political analyst and member of the editorial staff of the Institute of International Relations Analysis (IARI). She writes for the Latin American section, focusing mainly on South American geopolitics.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from AMERICA LATINA