BOLSONARO, ELEZIONI E DEMOCRAZIA

Il Presidente del Brasile Bolsonaro ribadisce il suo appoggio a Trump e mette in dubbio nuovamente il sistema elettorale brasiliano in vista delle elezioni del 2022

Il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha definito l’attacco al Congresso americano del 6 gennaio ‘un attacco alla democrazia’, mostrandosi condiscendente alle accuse di frode elettorale legate alle recenti elezioni alla Casa Bianca, mosse dai sostenitori del Presidente Trump, che avrebbero motivato tale atto. In aggiunta, ha riferito ai suoi sostenitori di aver accompagnato da vicino la vicenda, di essere un sostenitore di Trump e di prestare attenzione al fatto che negli USA vi sono state indubbiamente molte denunce di frode elettorale.

Per Bolsonaro anche le elezioni in Brasile del 2018, in cui è stato eletto Presidente, sono state oggetto di frode elettorale, tanto che lui ‘avrebbe dovuto vincere al primo turno’. In merito alle elezioni brasiliane del 2022, il Presidente del Brasile ha dichiarato che con il sistema elettorale attualmente vigente, da più di vent’anni totalmente elettronico, ci sarà una grande probabilità di frode, causando ‘un problema ben peggiore che negli USA’. Dichiarazioni che hanno provocato diverse reazioni in ambito politico a livello nazionale, prima fra tutti quella del Partito dei Lavoratori (PT) dell’ex Presidente Lula da Silva, che ha condannato fortemente le parole di Bolsonaro, definite irresponsabili e gravissime, tanto da chiederne una condanna penale per diffamazione e minaccia alla democrazia.

Anche il Presidente della Camera dei Deputati Maia ha considerato le dichiarazioni dell’attuale Presidente brasiliano un gravissimo attacco al Tribunale Superiore Elettorale (TSE) del Brasile e ai suoi giudici, richiedendo ai partiti politici di appellarsi alla giustizia visto che ‘Bolsonaro è riuscito perfino a superare i deliri e le fantasie di Trump’. Per il Presidente del TSE Barroso le accuse di Bolsonaro sono infondate, e ha sottolineato come un Presidente a favore della democrazia e dell’ordine non debba incoraggiare disordini o attacchi alle istituzioni. 

In allerta sono anche le Forze Armate brasiliane preoccupate, dopo le affermazioni del Presidente della Repubblica, che atti di violenza come quelli accaduti negli USA possano ripetersi anche in Brasile in occasione delle elezioni elettorali del 2022, visto che le manifestazioni incentivate da un’autorità legalmente eletta possono raggiungere maggiori proporzioni, specialmente considerando che la società brasiliana è più ‘giovane ed immatura’ rispetto a quella americana. 

Nicole Bruttomesso

Nicole Bruttomesso è analista e membro della redazione geopolitica dello IARI, scrive per la sezione “America Latina” occupandosi principalmente di geopolitica sudamericana.

Nicole Bruttomesso is an Italian political analyst and member of the editorial staff of the Institute of International Relations Analysis (IARI). She writes for the Latin American section, focusing mainly on South American geopolitics.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from AMERICA LATINA