BRASILE: POLITICA ESTERA E PANDEMIA

Il Ministro degli Esteri del Brasile Araújo ha parlato di teoria di cospirazione ‘Great Reset’ legata alla pandemia da Covid-19 e ha definito una barbarità la legalizzazione dell’aborto in Argentina.

Il Ministro degli Esteri brasiliano Araújo ha dichiarato durante un recente evento a Brasilia, a cui hanno preso parte Ambasciatori di diversi Paesi, che il Covid-19 non deve essere un pretesto per distruggere la libertà e di come lui sia contrario all’evidente ‘dispotismo di matrice globalista’ che sta cercando di dar vita al tale ‘Great Reset’, calpestando le Nazioni e le volontà dei Popoli. Per il Cancelliere la reazione di molti Paesi alla pandemia da Covid-19 in realtà nasconde degli interessi non del tutto leciti, ed usa il termine ‘Great Reset’ alludendo, o meno, al Piano del Forum Economico Mondiale che si pone come obiettivo la ristrutturazione dell’economia mondiale. 

Il Ministro Araújo ha poi criticato severamente, attraverso il suo account twitter, la legge recentemente approvata dal Senato argentino che legalizza l’aborto. Il Cancelliere ha ribadito la posizione ultra-conservatrice dell’attuale governo Bolsonaro, sostenendo che ‘il Brasile rimarrà sempre a sostegno della vita, tutelando gli indifesi, non importa quanti Paesi legalizzino l’aborto indiscriminato, una barbarità, un atto mascherato da salute riproduttiva o diritti sociali, o qualunque altra cosa’. Anche il Presidente Bolsonaro ha reagito negativamente alla notizia della vicina Argentina dichiarando che una legge del genere non sarà mai approvata nel suo Paese.  

La diplomazia brasiliana guidata dal Ministro Araújo conclude il 2020 con un’agenda internazionale basata sulla lotta al globalismo, incurante, o forse no, del fatto che il Brasile nella geopolitica internazionale risulta sempre più isolato e perdendo sostegno (per esempio, nella questione Accordo UE-Mercosur), e che il 2021 probabilmente sarà l’anno in cui l’Itamaraty dovrà necessariamente provvedere ad un cambio di direzione in materia di politica estera. Il Cancelliere Araújo infatti sta perdendo sempre più sostegno a livello nazionale, con molti esponenti del Senato brasiliano che non sembrano approvare la gestione del Ministro di Bolsonaro, oltre al fatto che, con il recente cambio di inquilino alla Casa Bianca, il Brasile sarà inevitabilmente indotto ad adottare nel 2021 un nuovo approccio diplomatico per evitare una definitiva esclusione nelle scelte politiche a livello internazionale

Nicole Bruttomesso

Nicole Bruttomesso è analista e membro della redazione geopolitica dello IARI, scrive per la sezione “America Latina” occupandosi principalmente di geopolitica sudamericana.

Nicole Bruttomesso is an Italian political analyst and member of the editorial staff of the Institute of International Relations Analysis (IARI). She writes for the Latin American section, focusing mainly on South American geopolitics.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from AMERICA LATINA