RIYADH E BERLINO: UN’OCCASIONE PER RAFFORZARE LE RELAZIONI BILATERALI

La diversificazione economica acquisisce un ruolo chiave per la stabilità e il progresso di Riyadh. Fondamentale il ruolo della Germania.

Si consolidano le relazioni bilaterali tra Arabia Saudita e Germania. Quest’ultima, infatti, fornirà alla monarchia del Golfo finanziamenti per la costruzione di una centrale elettrica per energia alternativa con una capacità di 20 megawatt e che sarà collocata nella megalopoli Neom sul Mar Rosso. Si tratta di una iniziativa frutto della necessità dell’Arabia Saudita di diversificare la propria economia. La monarchia del Golfo, infatti, è uno dei più grandi produttori di petrolio al mondo; la ricchezza di risorse petrolifere avrà sicuramente portato benessere al Regno ma col tempo l’eccessiva dipendenza dalle fonti petrolifere è diventata il punto debole di Riyadh. In un periodo caratterizzato da forte incertezza riguardo il futuro andamento dei mercati petroliferi a causa della grande volatilità dei prezzi del petrolio, acuita ulteriormente dalla pandemia da Covid-19, da un lato, e dei rischi posti dal cambiamento climatico, dall’altro, la diversificazione economica acquisisce un’importanza fondamentale per garantire al paese stabilità e progresso

Infatti, seppure l’Arabia Saudita abbia visto crescere gli introiti da attività non petrolifere nel corso del 2020, la compagnia petrolifera statale Saudi Aramco pur procura più del 50% dei profitti totali del paese ed avrà, dunque, un ruolo chiave nel mitigare il deficit di stato, che ammonta ora a circa 100 miliardi, ossia il 12% del PIL. E, nonostante i profitti della compagnia siano diminuiti quest’anno a causa del coronavirus, essa resta impegnata a tenere fede alle promesse fatte nel 2019, ossia pagare i dividendi consistenti in 75 miliardi di dollari l’anno per 5 anni. Potrebbe pertanto ritrovarsi costretta a contrarre prestiti per poter staccare suddetti dividendi e, per lo stesso obiettivo, si è mostrata disposta a vendere degli asset

In un tale clima di incertezza e difficoltà economiche, la diversificazione dell’economia ha un ruolo di rilievo e il finanziamento fornito della Germania potrebbe rivelarsi un prezioso contributo. Seppure le relazioni culturali tra i due paesi – parte degli obiettivi della Saudi Vision 2030 – sono state stabilite solamente di recente grazie ad un accordo intergovernativo entrato in vigore nell’aprile 2006, i rapporti commerciali tra Berlino e Riyadh hanno origini ben più lontane.

 Le relazioni bilaterali sono, infatti, state formalizzate nel 1929 con un Trattato di Amicizia tra la Germania e l’allora Regno del Hijaz e Najd e successivamente riconfermate dalla Repubblica Federale della Germania e dal Regno dell’Arabia Saudita nel 1954. I rapporti si sono rafforzati nel corso degli anni spianando la strada per quella che è al giorno d’oggi una prospera cooperazione. L’Arabia Saudita è, infatti, il secondo più importante partner commerciale della Germania nel mondo arabo, dopo gli Emirati Arabi Uniti; mentre la Germania è il quarto più grande fornitore di beni per la monarchia del Golfo. 

La Vision 2030 di Riyadh, basata su un programma di riforme e diversificazione economica, e i finanziamenti elargiti da Berlino offrono buone prospettive per un ulteriore sviluppo della cooperazione economica tra la Germania e l’Arabia Saudita.

Martina Brunelli

Ciao a tutti, sono Martina Brunelli, laureata in Mediazione linguistica e culturale e attualmente laureanda in Relazioni e istituzioni dell’Asia e dell’Africa presso l’università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Sono fluente in quattro lingue e la mia voglia di migliorarmi mi ha portata ad approfondire i miei studi a Siviglia (Spagna) e Rabat (Marocco). La mia collaborazione con lo IARI è iniziata ad ottobre 2019 spinta dal desiderio di mettermi alla prova e di comprendere al meglio l’ambiente socio-politico mutevole e dinamico della regione del Medio Oriente e Nord Africa, la macro-area di cui mi occupo nelle mie analisi per lo IARI. Scrivere per questo giovane think tank mi dà la possibilità di coadiuvare i miei interessi per le relazioni internazionali e gli equilibri geopolitici dell’area MENA al mio desiderio di crescita professionale. Mi permette, inoltre, di confrontarmi con un ambiente giovanile ma allo stesso tempo stimolante.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from MEDIO ORIENTE DAILY

LE FRAGILITÀ DELL’IRAQ

Moti di protesta, contese geopolitiche e ripetute esplosioni: l’Iraq è nel mezzo di una crisi multidimensionale