JOE BIDEN, UN PIANO RIVOLUZIONARIO PER LA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Dopo la vittoria di Biden, il cambiamento climatico acquista sempre più importanza specialmente in seguito al suo programma.

Si notano subito le differenze con Trump, se da una parte si esamina un nuovo piano per contrastare il cambiamento climatico, dall’altra l’abbandono dell’accordo di Parigi sul clima del 2015.Quest’ultimo è un trattato internazionale sui cambiamenti climatici sottoscritto dai 195 paesi che hanno partecipato alla Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite.

L’intento è quello di contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto della soglia di 2 °C oltre i livelli pre-industriali, e di limitare tale incremento a 1.5 °C.  Biden ha affrontato ampiamente il discorso climatico subito dopo il suo successo elettorale, considerandolo una priorità. Nel suo programma un ruolo importante lo hanno le energie rinnovabili e le nuove tecnologie, nel concreto sono stati stanziati importanti investimenti per il trasporto pubblico e la mobilità elettrica.

Biden ritiene che il Green New Deal sia un quadro cruciale per affrontare le sfide climatiche.Come prima cosa gli Stati Uniti  devono riuscire a sfruttare tutte le nostre energie rinnovabili e  l’innovazione americana , cercando di trasformarla in un’opportunità per attivare al meglio il settore energetico degli Stati Uniti e stimolare la crescita in tutta l’economia.  Biden vede nell’economia di un’energia pulita non solo un obbligo ma anche un’opportunità,entro il 2050.

Il Piano Biden consiste quindi nel garantire che gli Stati Uniti raggiungano un’economia di energia pulita e raggiungano le emissioni nette zero entro il 2050. Il cambiamento climatico è una sfida globale che richiede un’azione decisiva da parte di tutti i paesi del mondo. 

Joe Biden vuole integrare pienamente il cambiamento climatico nella politica estera e nelle strategie di sicurezza nazionale.

Inoltre Biden intraprende azioni contro le società di combustibili fossili e altri inquinatori che generano profitti sulle persone e danneggiano l’ambiente, e si assicurerà che lo sviluppo di soluzioni sia un processo inclusivo . Il piano rappresenterà un investimento storico nel futuro di energia pulita e giustizia ambientale. Joe Biden crede che sia importante investire in una rivoluzione dell’energia pulita che crei  anche posti di lavoro     

In qualità di presidente della commissione per le relazioni estere, ha radunato il sostegno su una serie di risoluzioni non vincolanti sulla questione, nel tentativo di dare impulso all’azione per affrontare il cambiamento climatico globale. Nel 1998, il Tropical Forest Conservation Act,  ha permesso agli Stati Uniti di raggiungere accordi con governi stranieri per conservare le foreste tropicali in cambio della cancellazione del debito (comunemente indicato come scambio del debito per natura).

L’amministrazione Obama-Biden ha posto limiti storici all’inquinamento da carbonio, ha raddoppiato gli standard di risparmio di carburante per auto e camion, ha liberato il potenziale delle energie rinnovabili e pulite e ha mobilitato il mondo per raggiungere i rivoluzionari accordi sul clima di Parigi. 

Gli Stati Uniti devono avere un piano audace per raggiungere un’economia di energia pulita al 100% e zero emissioni nette entro il 2050.  Per rendere tutto questo possibile viene messa in primo piano  La richiesta di limiti di inquinamento da metano  per le operazioni di petrolio e gas. Inseguito, garantire che tutte le installazioni, gli edifici e le strutture del governo degli Stati Uniti siano più efficienti e compatibili con il clima, sfruttando il potere d’acquisto e le catene di approvvigionamento per guidare l’innovazione.

Non meno importante, ridurre le emissioni di gas a effetto serra dai trasporti, la fonte in più rapida crescita di inquinamento climatico negli Stati Uniti, preservando e implementando l’attuale Clean Air Act e sviluppando nuovi rigorosi standard di risparmio di carburante volti a garantire il 100% delle nuove vendite di veicoli leggeri e medi essere elettrificati e miglioramenti annuali per i veicoli pesanti. Inoltre, si vuole raddoppiare i combustibili liquididel futuro, che rendono l’agricoltura una parte fondamentale della soluzione al cambiamento climatico. 

Anche le società pubbliche devono divulgare i rischi climatici e le emissioni di gas serra nelle loro operazioni e catene di approvvigionamento. Un fattore importante consiste nel proteggere i tesori naturali americani proteggendo in modo permanente l‘Artico National Wildlife Refuge, istituendo parchi nazionali e monumenti che riflettono il patrimonio naturale americano, vietando nuovi permessi di petrolio e gas su terre e acque pubbliche, e stabilire programmi mirati per migliorare la riforestazione e sviluppare energie rinnovabili con l’obiettivo di raddoppiare l’eolico entro il 2030.

Un cambiamento si potrà avvertire anche nella vita quotidiana e nello specifico nell’espansione urbana incontrollata. Molti americani a reddito medio e basso sono costretti a vivere lontano dai centri di lavoro a causa degli alti costi degli alloggi, che portano non solo i lavoratori ad affrontare lunghi spostamenti, ma anche ad emissioni più elevate associate all’aumento del traffico e ai tempi di spostamento molto lunghi.

La modifica delle normative locali per eliminare l’espansione incontrollata e consentire alloggi più densi e più convenienti vicino ai trasporti pubblici ridurrebbe i tempi di percorrenza per molti dei lavoratori del paese riducendo il loro contributo nell’emissione di carbonio.

L’agenda legislativa annuale di Biden sui cambiamenti climatici stabilisce un meccanismo di applicazione per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050 , incluso l’ obiettivo entro la fine del primo mandato di assicurare di arrivare al traguardo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from USA E CANADA