PERU: I LAVORATORI AGRICOLI BLOCCANO LA PANAMERICANA

Per cinque giorni in Perù i lavoratori dell’agro-export hanno bloccato la carretera Panamericana Sur, protestando ed ottenendo l’abrogazione della Ley de  Promoción Agraria.

È durato cinque giorni lo sciopero che ha paralizzato la carretera Panamericana Sur, all’altezza di Villacuri, in provincia di Ica. Centinaia di lavoratori del settore dell’agro-esportazione hanno chiesto l’abrogazione della Ley de  Promoción Agraria, ritenendola responsabile del mantenimento dei loro salari bassi, delle inique agevolazioni fiscali a beneficio dei proprietari delle aziende agricole e dei pochi diritti sociali dei lavoratori.

Attraverso il blocco stradale, che si è esteso dal sud al nord del Paese, la protesta contadina ha impedito il passaggio di centinaia di autobus e camion carichi di passeggeri e merci, causando disagi e perdite economiche ingenti, nonché scontri tra i manifestanti, forze di polizia e autisti.

Il punto centrale delle proteste è stata, appunto, l’abrogazione della legge summenzionata, nonostante numerosi esperti di diritto del lavoro siano concordi nel ritenere che l’eliminazione di questa legge non garantirà contratti stabili né migliori condizioni lavorative. 
Gli imprenditori del settore, da parte loro, sostengono che a disattendere i diritti dei lavoratori non sia la norma, bensì l’operato di imprese informali e società di intermediazione del lavoro, le “services”, ritenendo che queste dovrebbero passare per i controlli dalla Soprintendenza nazionale per l’ispezione del lavoro (Sunafil).

L’intermediazione del lavoro ha registrato una decisa tendenza a crescere in Perù. Nel settore agricolo, le services operano secondo due modalità di lavoro, ovvero una sorta di subappalto, tramite cui l’azienda agricola paga l’impresa terza affinché assuma i lavoratori agricoli, li paghi e li metta nel suo libro paga, oppure mediante un modello di reclutamento del lavoro, mediante il quale l’impresa terza colloca i lavoratori nell’azienda agricola, e questi vengono inseriti nel libro paga di quest’ultima.

Secondo Manuel Olaechea, direttore della Commissione impresa e diritti umani di Ica, le grandi aziende dell’agro-export utilizzano molto il secondo metodo, che permetterebbe ai lavoratori di scegliere l’azienda che paga meglio, superando lo stipendio minimo di 39.20 soles al giorno. 

Vale la pena ricordare che l’agro-export è diventato, negli ultimi anni, il secondo generatore di valuta dopo l’industria estrattiva, e che questa considerazione non può prescindere dall’osservazione che è anche il settore più deregolamentato dal punto di vista dei diritti dei lavoratori. Per adesso, la Ley è stata abrogata, si vedrà se effettivamente questo migliorerà le condizioni salariali e lavorative dei contadini. 

Annachiara Cammarata

Annachiara Cammarata, analista per IARI di Diritto Internazionale e diritti umani. Laureata in Mediazione linguistica e culturale presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale, con una tesi sulla tutela dei diritti umani nel sistema giuridico islamico, sono attualmente laureanda magistrale in Relazioni Internazionali per l’area MENA nello stesso ateneo, redigendo la mia tesi sulla cooperazione strategica dell’Ue con i Paesi terzi per la gestione dei flussi migratori, e sto frequentando un Master di II livello in Politica e Relazioni Internazionali presso la LUMSA di Roma. Durante il mio percorso universitario ho avuto l’opportunità di studiare all’estero in Europa, America Latina e Nord Africa, esperienze preziose che mi hanno aiutata a dare forma ai miei progetti accademici e lavorativi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from LAW & RIGHTS