ANTHONY FAUCI SI PREPARA ALLA TRANSIZIONE: LA COLLABORAZIONE CONTINUA CON JOE BIDEN

Il Dottor Anthony Fauci, il miglior esperto di malattie infettive degli Stati Uniti, ha dichiarato di aver intenzione di collaborare anche con l’amministrazione Biden, dopo che Trump avrà lasciato la Casa Bianca. 

Infatti, Fauci martedì incontrerà il team di transizione del Presidente eletto Joe Biden e continuerà a svolgere il suo ruolo presso la National Institutes of Health, dove ha contribuito a dirigere la risposta del governo federale alla pandemia COVID-19.  Giovedì, Fauci ha anche dichiarato di aver avuto più colloqui con il futuro capo dello staff della Casa Bianca nominato da Biden, Ron Klain. “Oggi sarà il primo giorno in cui ci saranno discussioni sostanziali sulla transizione tra me e il team di Biden”, ha detto Fauci al maggiore Garrett di CBS News in un podcast. “Sono molto contento che oggi ci sia la prima discussione su una serie di cose, vaccinazioni e cose del genere”.

Fauci ha oltretutto affermato che avrebbe preferito una transizione del potere più fluida: in un momento così delicato per il paese, il procedimento di transizione sarebbe dovuto iniziare prima possibile. Certamente, i ritardi causati dalle questioni sollevate dalla campagna del presidente Trump non gioveranno particolarmente alla preparazione e al coordinamento per la gestione della pandemia della futura amministrazione. “So che le transizioni sono davvero importanti se si vuole ottenere una consegna del potere senza intoppi.” ha affermato Fauci.

Infatti, l’amministrazione Trump ha notevolmente ritardato l’inizio del processo di transizione ufficiale di Biden, che la General Services Administration ha finalmente approvato il 23 novembre.  Prima che Trump desse il via libera alla General Services Administration per consentire la transizione, Biden ha quindi avvertito che il ritardo delle procedure di transizione avrebbe avuto conseguenze sulla pianificazione di una pronta risposta alla pandemia di coronavirus da parte della sua amministrazione e che questo ritardo potrebbe aver causato la morte di più di 273.000 persone negli Stati Uniti. 

È inoltre importante sottolineare che mercoledì il Regno Unito è diventato il primo paese occidentale ad approvare un vaccino Covid-19. Fauci ha giudicato questa iniziatica come poco coscienziosa, affermando che il governo britannico si è mosso troppo velocemente con l’approvazione del vaccino COVID-19 prodotto dalla società farmaceutica statunitense Pfizer e dalla società biotecnologica tedesca BioNTech, insistendo sul fatto che l’approccio degli Stati Uniti all’approvazione del vaccino è il “gold standard” e che un’approvazione del vaccino troppo rapida potrebbe scoraggiare molti americani dal farsi vaccinare. “Esaminiamo i dati con molta attenzione per garantire al pubblico americano che questo è un vaccino sicuro ed efficace” ha detto l’esperto a FOX News. [1]

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from USA E CANADA