BRASILE E IL 12° SUMMIT DEI BRICS

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ _module_preset=”default”]

Si è svolto per la prima volta in videoconferenza l’incontro al vertice tra i Capi di Stato e di Governo di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ _module_preset=”default”]

La scorsa settimana si è svolto in modalità telematica il 12° Summit dei BRICS, il gruppo di Paesi emergenti costituito da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Tra le priorità discusse dal blocco, presieduto quest’anno dalla Russia, vi sono il rafforzamento delle relazioni ed interessi dei BRICS in ambito internazionale e la promozione della cooperazione in ambito commerciale, economico e finanziario, culturale ed umanitario tra i Paesi del gruppo emergente.

Relazioni bilaterali Brasile – Russia

Dall’incontro di vertice dei Capi di Stato e Governo delle cinque economie emergenti, l’attenzione si è posta sulle sempre più strette relazioni diplomatiche tra i due giganti Brasile e Russia. Il Presidente russo Putin ha infatti elogiato apertamente il Presidente del Brasile Bolsonaro, definendolo ‘un esempio mondiale’ nel compimento dei propri doveri istituzionali come Capo di Stato, in particolar modo durante questo periodo di pandemia da covid-19. Il Presidente brasiliano, dal canto suo, ha recentemente ribadito la preminenza dell’economia sulla sanità, come ‘tutto al giorno d’oggi sia diventato pandemia’, alludendo al fatto della non necessarietà dell’adozione di misure restrittive per frenare l’ondata di nuovo coronavirus nel Paese, che altro non fanno che causare ingenti danni all’economia. Come se non bastasse, Bolsonaro ha sottolineato l’inadeguata gestione della pandemia da parte della comunità internazionale, in particolare dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e ne ha proposto una radicale riforma, inclusa quella dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) e del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Il Presidente della Repubblica del Brasile ha inoltre risposto alle innumerevoli critiche internazionali verso il suo mandato, dichiarando che ben presto renderà noto quali siano i Paesi che stanno importando illegalmente legna dall’Amazzonia. Con il Capo di Stato russo, il governo Bolsonaro condivide la necessità che il Brasile e la Russia siano protagonisti nel combattere il cambiamento climatico, la disapprovazione verso un’eccessiva politicizzazione della pandemia da covid-19 e l’atteggiamento verso le recenti elezioni presidenziali americane. I due leader infatti non hanno ancora riconosciuto la vittoria né si sono ancora congratulati con il nuovo Presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden. 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Nicole Bruttomesso

Nicole Bruttomesso is Editor of IARI Latin America Section. MSc in International Affairs (2020), MSc in Global Economics and Social Affairs (2017) and BA in Communication applied to International and Affairs and Diplomacy (2015). Her main research interests are Latin American affairs,
with a focus on South American geopolitics and EU foreign policy towards Latin America.

Latest from AMERICA LATINA