ELEZIONI IN BELIZE TRA CORONAVIRUS E CRISI ECONOMICA

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

Nella giornata di ieri si sono svolte in Belize le elecciones finalizzate ad eleggere la nuova Camera dei Rappresentati ed il nuovo Primo Ministro.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

Il Belize è uno Stato dell’America centrale, indipendente solo dal 1981 e retto da una monarchia parlamentare. Sebbene, facendo parte del Commonwealth, il Capo di Stato de iure è la Regina Elisabetta II – rappresentata nel Paese da un Governatore generale – dal momento dell’indipendenza in poi, il Paese ha sempre rispettato una tradizione politica profondamente bipartitica attraverso un’alternanza tra il Partido Popular Unido (UPP) e il Partito Democrático Unido (UDP).

Quest’anno, a sfidarsi alle urne sono stati Patrick Faberm, segretario dell’UDP e l’avversario di centro sinistra Johnny Briceno, del PUP. La consultazione elettorale, svoltasi nel rispetto di tutte le misure precauzionali previste dalla lotta al Covid 19, ha consegnato la vittoria a Briceno del Partito Popolare, ovvero il partito d’opposizione. Dopo un’amministrazione UDP nel 1984, infatti, il Paese è stato governato dal 1989 al 2003 dal Partido Popular il quale però, si è visto relegato ai banchi dell’opposizione per i successivi 12 anni, periodo in cui il Paese è stato governato da Dean Barrow del Partito Democratico (dal 2008 al 2020). Solo a febbraio di quest’anno quest’ultimo ha passato le redini del partito a Fabern, che si trova in queste ore a dover fare i conti con la sconfitta.

Il neo eletto primo ministro Briceno, il quinto a ricoprire tala carica dopo l’indipendenza dal Regno Unito, si troverà a dover fronteggiare un’economia da tempo affetta da una profonda stagnazione alla quale si è aggiunta, a causa della pandemia in corso, la crisi del settore turistico – principale motore di prosperità del Belize. La risposta del nuovo mandatario è racchiusa nel “Plan Belice, piano che mira a combattere l’epidemia Coronavirus e soprattutto a stimolare l’economia nei settori ritenuti prioritari, ovvero agricoltura e turismo. Frattanto, il Fondo Monetario Internazionale stimaper il Paese una caduta del PIL del 16%, una delle maggiori battute d’arresto registrate dal 1980.

 

 

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Giorgia D'Alba

Sono Giorgia e per IARI mi occupo di America Latina.
Nata a Lecce nel 1995, ho conseguito con il massimo dei voti prima la laurea triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali e successivamente la laurea magistrale in Scienze Internazionali presso l’Università di Torino. Ho studiato a Lisbona e a Buenos Aires ed ho partecipato ad un progetto di ricerca presso l’Istituto Sociale del Mercosur in Paraguay.

Latest from AMERICA LATINA

LA GUERRA DEI MILLE GIORNI

Conclusosi il sogno boliviano la Colombia ottocentesca si ritrovò ad affrontare tese e articolate dinamiche interne.