INIZIATI I COLLOQUI SULLA LIBIA A TUNISI: POSSIAMO ESSERE POSITIVI?

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

È stato dato il via, il 9 Novembre, al Forum del Dialogo politico libico nella città di Tunisi. Ai colloqui, ospitati al Four Season Hotel di Gammarth, hanno preso parte oltre 75 rappresentanti delle forze libiche che si pongono l’obiettivo di ridefinire gli assetti politico-strutturali del Paese. I partecipanti rappresentano tutte le forze antagoniste contando, oltre ai membri selezionati dall’ONU sulla base del criterio di inclusività, anche i membri dell’Alto Consiglio di Stato (Tripolitania) e del Parlamento di Tobruk (Cirenaica). Il Forum potrebbe segnale l’inizio di una nuova storia per la Libia, piegata da anni di guerra civile portata avanti dal governo centrale di Fayez al Sarraj e il generale Khalifa Haftar. I primi segnali erano arrivati il 23 ottobre a Ginevra durante i colloqui della Commissione militare 5+5, comitato a cui avevano preso parte cinque rappresentanti dell’Esercito Nazionale Libico e cinque membri del governo di Tripoli. In quell’occasione era stato definito l’impegno di attuare il cessate il fuoco, obiettivo, rilanciato in queste ore, insieme al piano di creare un Consiglio presidenziale a tre membri, composto da un presidente e due vicepresidenti.

Il giornale “Asharq al Awsat” ha diffuso alcune indiscrezioni sull’esistenza di un accordo sul nome del prossimo premier libico che potrebbe essere annunciato il 14 Novembre. Tre i candidati che hanno maggiori possibilità di essere nominati: Fathi Bashagha, attuale ministro dell’Interno del Governo di accordo nazionale (Gna); il vice presidente del Consiglio presidenziale, Ahmed Maiteeq; e Aqila Saleh, presidente della Camera dei rappresentanti di Tobruk.

Stephanie Williams, rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato di sentirsi particolarmente ottimista sui potenziali risultati dei colloqui che si protrarranno in tutto per sei giorni. L’ottimismo, del resto, potrebbe non essere ingiustificato se consideriamo che la scelta di avviare una negoziazione nasce dalla volontà congiunta dei libici e di tutte le forze in campo. In questa fase emergono, infatti, due aspetti peculiari: la comunione di intenti dei diversi esponenti politici e militari di avviare un dialogo inclusivo; la partecipazione attiva della società politica e civile libica nel progetto di ridisegnare il futuro politico del Paese. La speranza è quella di riuscire a trovare un punto di incontro nel rispetto, nei limiti del possibile, degli interessi in gioco a cui fanno capo tutti gli attori coinvolti: politici, cittadini, esponenti religiosi e militari. In questo modo si potrebbe avviare il processo di pace e organizzare le elezioni entro la primavera del 2021.

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Giusy Monforte

Cari lettori, ho il piacere di presentarmi, sono Giusy Monforte, analista dell’Istituto Analisi Relazioni Internazionali (IARI).
La mia passione per la geopolitica è iniziata a Catania, dove mi sono laureata in Politica e Relazioni internazionali. Successivamente mi sono spostata a Napoli, città che mi ha letteralmente incantata per la sua capacità di restare fedele alle sue radici identitarie pur guardando verso l’Europa. A Napoli ho conseguito una laurea magistrale in Studi Internazionali presso “L’Orientale”, dedicando particolare attenzione al mondo arabo e al diritto islamico, con il fine di inquadrare quest'ultimo nelle scienze giuspubblicistiche. Dopo la laurea ho continuato i miei studi e non ho mai smesso di scrivere: ho collaborato con diverse riviste di geopolitica.
Ho avuto la fortuna di salire a bordo di questo Think Tank sin dall’inizio riuscendo, in questo modo, a dare il mio contributo dalle sue prime manovre e a crescere professionalmente insieme ad esso. Allo IARI mi occupo soprattutto di temi afferenti al costituzionalismo in Africa e negli Stati a maggioranza musulmana.
La mia curiosità verso il mondo si riversa probabilmente anche nelle altre attività.
Dedico il resto del mio tempo alla ricerca delle scoperte musicali e vado spesso ai Festival che ti permettono di spaziare dal dreampop alla Jazztronica, senza sembrare una persona confusa, e a condividere, contemporaneamente, la passione per la musica con persone provenienti da tutto il mondo. Amo viaggiare, oltre che fisicamente, anche attraverso il cinema: seguo con particolare interesse il cinema iraniano e coreano, ma confesso che il mio cuore appartiene al canadese Xavier Dolan.
La parola che odio di più è etnocentrismo: spesso si ignora che non esiste solo una prospettiva e che la realtà ha diverse facce se imparassimo a guardarla con gli occhi degli altri.
La mia parola preferita, invece, è prònoia: perché l’universo può giocare anche a nostro favore ma a volte lo dimentichiamo

Latest from DAILY