USA 2020 E IL FUTURO DELLE RELAZIONI CON L’UE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

A due settimane dalle elezioni presidenziali e davanti alla dilagante ripresa della pandemia, ci si chiede quale possa essere il futuro delle relazioni tra Stati Uniti e Unione Europea, sia nel caso in cui Trump venisse riconfermato, sia se Biden dovesse conquistare la Casa Bianca.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

Se c’è uno scenario di cui possiamo essere certi, è che i rapporti tra Unione Europea e Stati Uniti non saranno in cima all’agenda programmatica di nessuno dei due candidati. Lo si evince sia  della loro storia politica, sia dalle proposte per il prossimo quadriennio dei principali competitor. Il matrimonio transatlantico tra le due potenze segna da tempo alcune debolezze ed esso non è tornato allo splendore di un tempo nemmeno con la presidenza Obama, che non ritenne prioritarie le questioni europee, più rivolta alle relazioni con i paesi asiatici e sudamericani. Barack Obama vedeva nell’UE un interlocutore “alla pari”. Con la Presidenza Trump le relazioni tra i due attori hanno subito un crollo inedito. L’indice di fiducia dei Paesi europei è calato dal 95/55% degli anni 2010/2019, a percentuali tra il 40 e il 5% tra il 2016 e il 2019.

Trump ha sempre nutrito una profonda avversione al modello multilateralista, avversione che di contro i leader europei hanno manifestato, sin dal primo giorno, nei confronti della sua presidenza. Nel 2017 Juncker arrivò a minacciare, come ritorsione all’atteggiamento statunitense, di avallare l’indipendenza dell’Ohio e la secessione del Texas. Il culmine della tensione fu raggiunto quando, nel 2018, Trump definì l’Europa “un nemico commerciale”.Osservando il saldo commerciale per beni e servizi tra le due potenze, si noterà un marcatissimo calo a partire dal 2016, anno dell’elezione del tycoon. Sembra difficile immaginare un ribaltamento nelle relazioni con l’Europa all’indomani di una futura rielezione di Trump, che anzi potrebbe irrigidire molte delle sue posizioni, come spesso accade nei secondi mandati presidenziali, verso un’ulteriore svolta isolazionista nei confronti degli affare europei e una rinvigorita lotta commerciale. L’uscita dagli Accordi sul Clima di Parigi nel 2017, andava esattamente nella direzione dello sviluppo di politiche economiche autonome.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

La mancata adesione degli Stati Uniti all’iniziativa condotta da Bruxelles volta a raccogliere 8 miliardi di dollari per la ricerca di un vaccino contro il Covid-19, non fa che confermare le difficoltà di gestione condivisa delle tematiche globali anche per il futuro. La recente apertura di un forum di confronto sulla Cina tra USA e UE, è l’unico atto volto alla ripresa di rapporti. Biden, a differenza di Trump, vede nel multilateralismo l’unico strumento per la riconquista di una leadership globale. Il democratico, qualora diventasse Presidente, avrebbe un bisogno viscerale dell’alleanza europea. Biden necessiterebbe di accordi strutturati per il clima, per trasformare gli USA in una superpotenza energetica sulle rinnovabili, per riaffermare l’influenza e la leadership della NATO, ma soprattutto perché il leader democratico crede fortemente che l’unico modo per vincere lo scontro con Cina e Russia, in Medio Oriente come nell’intero globo, è quello di una ritrovata alleanza occidentale, di cui gli Stati Uniti debbano essere capofila e garanti.

Il lavoro della Commissione Transatlantica per l’integrità elettorale, volta al contrasto degli attacchi della Russia alle democrazie occidentali e al monitoraggio globale dei processi democratici, sarà un altro aspetto su cui rinnovare la coalizione. Se è quindi certo che Biden si occuperebbe maggiormente delle relazioni con l’Europa, è pur vero che questa, come detto in apertura e a scanso di imprevedibili stravolgimenti globali, non sarà la priorità di una futura presidenza democratica.

 

 

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] style=”display:block” data-ad-format=”autorelaxed” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”3043690149″>[/et_pb_code][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Costanza Spera

Costanza Spera, classe 1994, nata e cresciuta a Perugia. Laureata magistrale con lode in Relazioni Internazionali all’Università degli Studi di Perugia, ha presentato una tesi mirata all’evoluzione del concetto di sicurezza interna, dalla Linea Maginot all’US Patriot Act. Sin dalla laurea triennale, conseguita anch’essa con lode a Perugia, nutre un profondo interesse per la politica statunitense.
Ha svolto un Master presso la SIOI di Roma in “Protezione strategica del Sistema Paese, Cyber Intelligence, Big Data e Sicurezza delle Infrastrutture Critiche”, per il quale ha realizzato una tesi sull’evoluzione del terrorismo suprematista bianco e di estrema destra grazie ad un’analisi di Open Source Intelligence. Svolge, da gennaio 2021, un tirocinio presso la CONFITARMA di Roma.
Ha un diploma in programmazione informatica in linguaggio Python, si è occupata di cooperazione internazionale ed è da sempre attiva nel mondo dell’associazionismo, della politica e del teatro ed ha anche lavorato presso case circondariali umbre come tutor per gli studenti detenuti iscritti all’università.
Membro della redazione geopolitica IARI, scrive per l’area “USA e Canada”.

Latest from DAILY