THE QUAD: ALLEANZA ANTICINESE NELL’INDO-PACIFICO?

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″]

Il gruppo di lavoro in materia di difesa e sicurezza rientra negli strumenti a disposizione degli USA per contrastare Pechino, guadagnando quindi influenza nella regione.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″]

Martedì 6 ottobre si è tenuto a Tokyo il secondo vertice di livello ministeriale tra i paesi membri della “The Quadrilateral Initiative”, o “The Quad”, ossia Australia, Giappone, India e Stati Uniti. Il gruppo, formatosi nel 2007, si pone come obiettivo la promozione di una maggiore stabilità e sicurezza nell’area indo-pacifica. Questa iniziativa multilaterale ha irritato Pechino sin dalla sua nascita, per volontà di Shinzo Abe, tanto da spingere Canberra a ritirarsi dal gruppo nel 2008, causando uno stallo dei lavori del The Quad sino al 2017. I primi fastidi della Cina di fronte a questo vertice derivavano dal senso di esclusione da un gruppo di lavoro in campo di sicurezza e difesa che avrebbe operato in tutta la regione circostante il dragone. Dodici anni dopo e considerate le tensioni geopolitiche attuali, il meeting 2020 del gruppo ha sicuramente una valenza diplomatica cruciale per Pechino. Seppure non citata nei comunicati stampa dei paesi membri come argomento di discussione, la Cina ha sicuramente occupato una posizione di primo piano nell’agenda dei ministri degli esteri presenti al vertice. L’unico partecipante al The Quad che ha apertamente chiesto ai colleghi di confrontarsi sul tema cinese è stato il segretario di stato USA Mike Pompeo, il quale ha sottolineato come i “soprusi” di Pechino rappresentino una minaccia per la sicurezza della regione indo-pacifica.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″]

In questo momento storico, tre paesi membri del The Quad hanno assistito ad un deciso deterioramento delle relazioni diplomatiche con Pechino nell’ultimo anno. Questi sono gli USA, l’Australia e in particolar modo l’India, impegnata in un potenziale confronto militare con Pechino sul confine occidentale del Tibet. Gli Stati Uniti hanno cercato nel vertice di Tokyo un’occasione per raccogliere il supporto degli altri paesi membri per una forte retorica anticinese e una potenziale alleanza difensiva indo-americana mirata a contenere le richieste territoriali di Pechino. Questa possibile cooperazione sarà oggetto di discussione durante la visita che il segretario Pompeo e il segretario alla difesa Mark Esper effettueranno a Nuove Delhi questa settimana. In conclusione, The Quad rappresenta una piattaforma per la riconfigurazione della regione indo-pacifica, una regione che gli Stati Uniti intende proteggere dall’ascesa cinese, attraverso una cooperazione in materia di difesa e sicurezza. Il denominatore comune tra i paesi partecipanti è rappresentato al momento dalle tensioni diplomatiche con Pechino, il quale non si mostra favorevole alle attività di questo gruppo. La domanda cruciale rimane quindi la possibilità di successo americana nel creare una rete di partner diffidenti verso Pechino e di adottare, insieme a questi, misure concrete per stabilizzare la regione indo-pacifica.

 

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″] style=”display:block” data-ad-format=”autorelaxed” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”3043690149″>[/et_pb_code][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Annalisa Mariani

Mi chiamo Annalisa,classe 96,analista IARI per la sezione Cina.Dopo la laurea triennale in Mediazione Linguistica a Milano,sono partita per la mia amata Cina per un anno di studio avanzato della lingua.Lioho capito che l'aspetto più affascinante del mondo cinese è la politica. QuelPartito unico che si incontra, esplicitamente o non,in ogni discorso, articolo, conferenza e conversazione con gli amici cinesi. Così ho decisodi studiare quel Partito, iscrivendomi al Master in China eGlobalizzazione al King's College a Londra. Negli ultimi tempi ho capito che la mia grande curiosità mi porta sempre a parlare di tutto ciò che è controverso / proibito in Cina; da qui la mia indagine sulla condizione della popolazione uiguranello Xinjiang. Dedico moltissimo tempo, a detta dei miei amici quasi tutto, ad informarmi su ciò che succede in Cina.Sono decisamente appassionata e affascinatada un paese sulla bocca di tutti,ma conosciuto da pochi.Nel tempo rimanente tento di fare attività sportivae mi cimento in esperimenti culinari dai risultati incerti.Sono estremamente curiosa, sonoo viaggiare, assaggiare cibiparticolarie parlare con le persone del luogo. Sono fermamente convinta che il viaggio completo le persone sotto ogni punto di vista echesia l'unico vero modo di interfacciarmi con il meraviglioso mondo in cui viviamo.

Latest from ASIA E OCEANIA