ROMA E TEL AVIV: ACCORDO DI RECIPROCO APPROVIGIONAMENTO MILITARE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

Lo scorso 22 settembre, il Direttore Generale del Ministero della Difesa di Israele, Amir Eshel, ed il suo omologo italiano, il Direttore Nazionale degli Armamenti, Nicolò Falsaperna, hanno siglato un accordo di reciproco approvvigionamento, completando de facto lo scambio di forniture militari tra i due Paesi iniziato nel febbraio 2019. “Accolgo con favore il completamento di questo accordo, che riflette la nostra stretta ed importante collaborazione con il Ministero della Difesa italiano nel corso degli anni. Il completamento di questo accordo è essenziale per la formazione dei piloti di elicotteri IAF (forze aeree israeliane) e per lo sviluppo dell’economia di Israele”, ha dichiarato la settimana scorsa il Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz. L’accordo bilaterale prevede che il Ministero della Difesa di Israele acquisti dall’Italia cinque elicotteri per l’addestramento avanzato, aumentando la flotta di addestramento dell’Aeronautica Militare di Tel Aviv a 12 velivoli, e che in cambio il Ministero della Difesa italiano ottenga i missili anticarro (ATGM) SPIKE Rafael e i simulatori di missione Elbit Systems.  

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

 

Come ha sottolineato il Ministero della Difesa israeliano, l’intesa in questione altro non è che il naturale sviluppo dell’accordo firmato nel 2011 tra i due Stati secondo cui Roma avrebbe acquisito il satellite di osservazione OPSAT 3000 e due velivoli multi-sensore con funzioni di sorveglianza aerea G550 CAEW e Tel Aviv, invece, 30 velivoli da addestramento AERMACCHI M-346 MASTER. La cerimonia si è svolta contemporaneamente nei quartieri generali della difesa dei rispettivi Stati firmatari ed è stata proiettata in videoconferenza. In base a quanto pattuito, il Ministero della Difesa israeliano acquisterà un pacchetto di formazione dal complesso cantieristico italiano per la difesa, Leonardo. L’intesa italo-israeliana prevede infatti l’acquisto da parte di Tel Aviv di dodici elicotteri da addestramento, AgustaWestland AW119 Koala o AW119Kx, volti a sostituire gli elicotteri SAYFAN (Bell 206) in servizio dagli anni Settanta, e due simulatori per l‘Air Force Flight School. Occorre ricordare che i primi sette elicotteri monomotori AW119Kx furono ceduti ad Israele nel febbraio 2019 ma Amir Eshel ha confermato l’acquisizione di altri cinque velivoli.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″]

Nell’ambito di una partnership industriale italo-israeliana, il Ministero della Difesa italiano, in ossequio a quanto previsto dall’accordo, otterrà lanciatori e missili anticarro SPIKE Rafael e nuovi simulatori avanzati della Elbit Systems, destinati ad alcuni elicotteri Leonardo in dotazione all’esercito italiano.  Il Ministero della Difesa ha optato per i missili (ATGM) SPIKE Rafael di ultima generazione al fine di rimpiazzare i sistemi ROW e MILAN, rispettivamente in servizio a partire dagli anni Sessanta e Settanta, e di armare sia i VBC FRECCIA sia gli elicotteri d’attacco Agusta A129 Mangusta.[1]

Alla luce di quanto sopra, l’accordo siglato la scorsa settimana rappresenta un ulteriore passo in avanti nella cooperazione militare italo-israeliana, una partnership solida e in costante crescita a partire dal 2012. A supporto di questa tesi occorre menzionare che le aviazioni dei due Paesi hanno condotto numerose esercitazioni congiunte, come la recente partecipazione alla quarta edizione del Blue Flag  in Israele nel novembre 2019 di 4 F-35 del 32° Stormo di Amendola, 1 CAEW del 4° Stormo di Pratica di Mare, 4  EUROFIGHTER del 4° Stormo di Grosseto, del 36° Stormo di Gioia del Colle, del 37° Stormo di Trapani e oltre 200 militari italiani. In conclusione, è lecito affermare che l’accordo siglato da Amir Eshel e Nicolò Falsaperna intende coronare l’alto livello di collaborazione raggiunto da Tel Aviv e Roma in un momento, quale quello attuale, caratterizzato da severe restrizioni budgetarie dettate dalla pandemia in corso.

Note

[1] https://tealgroup.com/images/TGCTOC/sample-wmuav.pdf

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.5.4″ hover_enabled=”0″] style=”display:block” data-ad-format=”autorelaxed” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”3043690149″>[/et_pb_code][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Costanza Pestarino

Costanza Pestarino. Studentessa del Master di Sicurezza Internazionale presso l'Università SciencesPo(Parigi) con concentrazioni in Europa e Rischi Globali.Nata a Genova nel 1997, ha conseguito la laurea triennale in Politica, filosofia e Economiapresso la Luiss Guido Carli (Roma). Nel 2018, ha trascorso il programma di scambiobilateralea Mosca presso Università Nazionale di Ricerca Scuola superiore di economia (Высшая Школа Экономики). Questo periodo le ha permesso di migliorare la conoscenza della lingua russa e di frequentare corsi mirati nel campo della sicurezza internazionale e delle relazioni UE-Russia.

Latest from DAILY