L’INCERTEZZA PADRONA DI HONG KONG

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Carrie Lam rimanda le elezioni legislative causa Covid-19. Questa scelta rafforzerà la credibilità del suo esecutivo?

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Hong Kong, nota in tutto il mondo in qualità di centro finanziario e simbolo dell’Asia moderna, sembra avviarsi verso il tramonto di tale splendore. Infatti, in poco più di un anno, la città è stata teatro delle proteste legate alla legge sull’estrazione, della rinascita di un forte movimento democratico e recentemente della implementazione della legge sulla sicurezza nazionale. A questa instabilità politica, che ha causato danni ingenti all’economia locale, basti pensare al PIL del terzo trimestre -2,9% sul Q2, si deve aggiungere il dramma covid-19 di cui Hong Kong sta attraversando la terza ondata.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Da 7 mesi a questa parte, ad Hong Kong sono stati rilevati 3.512 casi e 34 decessi, numeri piuttosto bassi considerando la prossimità alla Cina continentale, ma che proprio per questo motivo necessitano di accurate misure preventive. Tralasciando le pesanti conseguenze economiche del virus, la scorsa settimana sono apparse evidenti anche quelle politiche. 

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Giocando la carta covid, la Chief Executive Carrie Lam ha infatti posticipato le elezioni legislative previste per il prossimo 5 settembre di dodici mesi esatti, fino al 6 settembre 2021. Lo svolgimento delle elezioni come da calendario originale, sarebbe stato un segnale strategico e una possibilità per l’esecutivo di dimostrare con i fatti la promessa di non alterare le libertà democratiche del territorio. Votare il prossimo mese avrebbe significato respingere le critiche della comunità internazionale e forse riguadagnare il voto per la fazione pro-establishment (pro-Pechino) degli elettori non completamente aderenti alla causa pro-democratica. 

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Tuttavia, la decisone di post porre le elezioni, tenutesi in altri 50 paesi durante il Covid, accompagnata dalla squalifica di una dozzina di candidati del campo democratico, non fa altro che rafforzare le accuse contro l’esecutivo e nutrire i sospetti di una motivazione strettamente politica, e non sanitaria, dietro al rinvio delle consultazioni. Ripensando anche alla pesante sconfitta subita dall’establishment nelle elezioni distrettuali dello scorso autunno, viene a delinearsi un quadro piuttosto cupo.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Nel caso in cui la leadership avesse rimandato le elezioni puramente per motivi sanitari e senza alcuna intenzione politica, allora la strategia comunicativa e la sua tempistica sarebbero potute essere più chiare e puntuali. Nel caso in cui la motivazione fosse meramente politica, l’esecutivo rischierebbe un duro colpo a settembre 2021, qualora il movimento democratico riuscisse a rimanere coeso e ad attirare nuovi sostenitori. 

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_
pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

In entrambi i casi, Carrie Lam e i membri di gabinetto hanno perso un’occasione unica per riabilitarsi agli occhi della comunità internazionale e di una buona parte della popolazione di Hong Kong. 

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block” data-ad-format=”autorelaxed” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”3043690149″>[/et_pb_code][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Annalisa Mariani

Mi chiamo Annalisa,classe 96,analista IARI per la sezione Cina.Dopo la laurea triennale in Mediazione Linguistica a Milano,sono partita per la mia amata Cina per un anno di studio avanzato della lingua.Lioho capito che l'aspetto più affascinante del mondo cinese è la politica. QuelPartito unico che si incontra, esplicitamente o non,in ogni discorso, articolo, conferenza e conversazione con gli amici cinesi. Così ho decisodi studiare quel Partito, iscrivendomi al Master in China eGlobalizzazione al King's College a Londra. Negli ultimi tempi ho capito che la mia grande curiosità mi porta sempre a parlare di tutto ciò che è controverso / proibito in Cina; da qui la mia indagine sulla condizione della popolazione uiguranello Xinjiang. Dedico moltissimo tempo, a detta dei miei amici quasi tutto, ad informarmi su ciò che succede in Cina.Sono decisamente appassionata e affascinatada un paese sulla bocca di tutti,ma conosciuto da pochi.Nel tempo rimanente tento di fare attività sportivae mi cimento in esperimenti culinari dai risultati incerti.Sono estremamente curiosa, sonoo viaggiare, assaggiare cibiparticolarie parlare con le persone del luogo. Sono fermamente convinta che il viaggio completo le persone sotto ogni punto di vista echesia l'unico vero modo di interfacciarmi con il meraviglioso mondo in cui viviamo.

Latest from ASIA E OCEANIA