RESTRIZIONI PER GLI STUDENTI CINESI NEGLI USA: ARMA A DOPPIO TAGLIO?

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″]
Le restrizioni introdotte dall’amministrazione Trump nei confronti degli studenti universitari cinesi causeranno gravi perdite nelle casse degli atenei americani, mettendo il crisi il progetto nazionalista del presidente.
[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″]
Il 7 luglio il Dipartimento di Sicurezza Interna degli Stati Uniti ha pubblicato nuove linee guida in materia di immigrazione secondo le quali gli studenti universitari stranieri, a partire da settembre, non potranno restare nel paese se i corsi ai quali sono iscritti si terranno interamente in modalità online. Questa misura avrà certamente delle ripercussioni nel tasso di iscrizione di studenti internazionali, in particolare dei ragazzi provenienti dal continente asiatico. Infatti, questi consideravano la possibilità di vivere in America, in un contesto culturale diverso da quello di origine, come la motivazione primaria per l’iscrizione universitaria negli States.
[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″]
Ma chi sono gli studenti internazionali negli USA? Su un totale di circa 1 milione di studenti, compresi i laureandi di secondo livello, la popolazione più numerosa è, nemmeno a dirlo, quella cinese, seguita a breve distanza dagli studenti indiani. Il numero ragazzi di Pechino, circa 370 mila in totale, è aumentato costantemente nell’ultimo decennio, riempiendo le casse delle università pubbliche e private attraverso tasse d’iscrizione più elevate, donazioni e contributi a progetti di ricerca.
 
[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″]
L’ultima stretta sugli studenti internazionali, giustificata dalla pandemia, fa seguito ad un decreto e una proposta specificamente rivolti agli studenti cinesi. Nel 2019, l’amministrazione Trump ha diminuito da 5 a 1 anno la durata del visto per gli studenti cinesi iscritti a corsi di laurea magistrale negli USA alle facoltà di aviazione, robotica e manifatture avanzate per timori di furto di proprietà intellettuali. In parallelo, a seguito di un’indagine FBI riguardo il furto di segreti biomedici da parte di scienziati aventi legami con Pechino, l’amministrazione ha proposto di cancellare il visto per studenti e ricercatori legati ad universita cinesi affiliate all’Esercito Popolare di Liberazione, siano queste ad esclusivo scopo militare, o tecnico-scientifiche.
 
[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″]
Le restrizioni annunciate ed effettive proposte dalla Casa Bianca, si inseriscono dunque nel contesto delle tensioni Cina-USA e della retorica delle minacce alla sicurezza nazionale. In questo caso però, cosi come per il taglio delle importazioni di beni cinesi, potrebbero essere proprio gli Stati Uniti a soffrire. Se gli studenti cinesi non saranno più ben accetti nei campus americani, è naturale aspettarsi un drastico calo delle donazioni e dei contributi ai progetti di ricerca da parte cinese. Si pensi che l’università di Harvard è stata tra il 2013 e il 2019 la prima destinazione di donazioni cinesi, per un totale di 90 milioni di dollari.
[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″ hover_enabled=”0″]
Ma se le grandi della Ivy League sopravviveranno anche senza contributi cinesi, è probabile che invece le tante piccole università pubbliche che ad oggi ricevono donazioni da Pechino ne risentiranno maggiormente. Togliendo una fetta cospicua di tasse universitarie, donazioni e fondi per I progetti di ricerca, chi pagherà per lo sviluppo di nuove tecnologie, che secondo l’amministrazione dovrebbero far tornare l’America grande e sconfiggere il dragone? Nel complesso, la politica americana nei confronti degli studenti cinesi sembra dannosa per gli States stessi, qualora le gravi perdite subite dalle università non venissero compensate da maggiori fondi federali. Make America Great Again sembra quindi difficile senza l’aiuto dei nemici cinesi.
[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Annalisa Mariani

Mi chiamo Annalisa,classe 96,analista IARI per la sezione Cina.Dopo la laurea triennale in Mediazione Linguistica a Milano,sono partita per la mia amata Cina per un anno di studio avanzato della lingua.Lioho capito che l'aspetto più affascinante del mondo cinese è la politica. QuelPartito unico che si incontra, esplicitamente o non,in ogni discorso, articolo, conferenza e conversazione con gli amici cinesi. Così ho decisodi studiare quel Partito, iscrivendomi al Master in China eGlobalizzazione al King's College a Londra. Negli ultimi tempi ho capito che la mia grande curiosità mi porta sempre a parlare di tutto ciò che è controverso / proibito in Cina; da qui la mia indagine sulla condizione della popolazione uiguranello Xinjiang. Dedico moltissimo tempo, a detta dei miei amici quasi tutto, ad informarmi su ciò che succede in Cina.Sono decisamente appassionata e affascinatada un paese sulla bocca di tutti,ma conosciuto da pochi.Nel tempo rimanente tento di fare attività sportivae mi cimento in esperimenti culinari dai risultati incerti.Sono estremamente curiosa, sonoo viaggiare, assaggiare cibiparticolarie parlare con le persone del luogo. Sono fermamente convinta che il viaggio completo le persone sotto ogni punto di vista echesia l'unico vero modo di interfacciarmi con il meraviglioso mondo in cui viviamo.

Latest from ASIA E OCEANIA

LA QUESTIONE TIBETANA

Durante il mese di maggio la Repubblica Popolare Cinese ha festeggiato a gran voce il settantesimo