FIN DOVE ARRIVERÀ LO SVERSAMENTO DI NORIL’SK?

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”]

Lo sversamento delle 20.000 tonnellate di gasolio nell’artico siberiano di fine Maggio continua a destare estrema preoccupazione, e gli esperti ipotizzano addirittura l’arrivo nel Mar Glaciale Artico.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Continua a destare profonda preoccupazione l’incidente di fine Maggio nell’artico siberiano che ha causato lo sversamento di circa 20.000 tonnellate di gasolio nel terreno e nel sistema fluviale siberiano. Ciò che preoccupa di più è la capacità di poter contenere la contaminazione prima possibile e lo stesso presidente Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia non ha esperienza di operazioni di pulizia di corpi d’acqua in seguito ad una contaminazione tanto vasta. Parole che non rassicurano affatto sulla possibilità di arginare il disastro. Nel frattempo Greenpeace stima il danno ambientale in 1.4 miliardi di dollari e serviranno circa dieci anni per permettere alla biodiversità di tornare alle condizioni precedenti al disastro. Gli esperti si sono espressi con toni estremamente preoccupati non solo circa l’evento e le sue conseguenze, ma su come questo incidente possa essere il primo (di questa portata) di una lunga serie se non si intraprendono tempestive misure soprattutto nei territori in cui sopra lo strato di permafrost sono state costruite infrastrutture per l’estrazione di risorse minerarie, gasdotti, oledotti e centri urbani più o meno grandi.

[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”4.1″] style=”display:block; text-align:center;” data-ad-layout=”in-article” data-ad-format=”fluid” data-ad-client=”ca-pub-7315138348687543″ data-ad-slot=”8401026869″>[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.1″]

Da anni la comunità scientifica sta cercando di focalizzare l’attenzione sulle drammatiche conseguenze dello scioglimento del permafrost, ben evidenziate nel report dell’Arctic Monitoring and Assessment Programme. La possibilità che la contaminazione si sposti verso il Mar Glaciale Artico è tutt’altro che remota: Victoria Herrmann, managing director dell’Arctic Institute e Rob Huebert, specialista dell’Università di Calgary, concordano sull’imprevidibilità del percorso che la fuoriuscita può intraprendere. C’è la possibilità che resti all’interno del territorio russo tanto quanto raggiunga anche paesi limitrofi e che arrivi anche nel Mar Glaciale Artico. In questo ultimo caso, di certo, sarà un bel test per vedere se il già precario stato dei rapporti geopolitici tra molti Stati dell’area artica comprometterà un’azione, che solo se collaborativa, potrà sia contenere il disastro in termini puramente ambientali che limitare il deterioramento dei rapporti internazionali.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Marco Volpe

Ciao a tutti, sono Marco Volpe, analista dello Iari per la regione artica. La mia passione per l’estremo Nord viene da lontano. Mi piace considerarla come il punto di arrivo che ho inseguito per tanto tempo, raggiunto attraverso un percorso iniziato con lo studio del cinese alla Sapienza di Roma, poi alla Beijing Language and Culture University di Pechino e all’Istituto Confucio di Leòn. Gli studi di relazioni internazionali condotti alla University of Leeds mi hanno dato gli strumenti per poi interpetare l’ascesa inarrestabile cinese nell’ordine globale. A quel punto era diventato imprescindibile approfondire il rapporto della Cina con l’ambiente, e il mio sguardo si è allora posato su quell’area remota del mondo ancora apparentemente fuori dai giochi internazionali e dai grandi investimenti, dove la cura per l’ambiente conta più di tutto. Un’area che ovviamente aveva già attirato le attenzioni della lungimirante leadership cinese. E così, tornato a Roma, ho frequentato un master sulla geopolitica artica e sviluppo sostenibile presso la Sioi, focalizzando la mia attenzione sulle mire cinesi nell’area. Il risultato è un pò il punto di arrivo di cui parlavo: collaborare e far parte di think tanks, tra cui lo Iari e l’Arctic Institute, che mi permettono di avere un confronto maturo, professionale ed appasionato sulle vicende internazionali che scandiscono il ritmo delle geopolitica odierna. Un punto di arrivo che è, ovviamente, un nuovo punto di partenza.
Mi sono appassionato alla fotografia quando, durante il mio primo viaggio in Cina, mi trovavo di fronte delle scene e dei volti che non potevo non immortalare. Ciò di cui non posso fare a meno è sicuramente la musica, soprattutto nella sua dimensione live e di festival. Radiohead, Mumford and Sons e National gli artisti che non posso non ascoltare prima di andare a letto.

Latest from ARTICO