MEGALOPOLI AFRICANE E SFIDE GEOPOLITICHE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||” hover_enabled=”0″]

Il continente africano viaggia su tassi di crescita demografica impensabili nel resto del mondo, specie in Europa dove si assiste ad un invecchiamento sempre maggiore della popolazione. A questo dato, si accompagna in parallelo uno spostamento massiccio verso i grandi centri urbani: si stima che, entro il 2050, cinque delle dieci città più popolose al mondo si troveranno proprio a Sud dell’Equatore.

La crescita certo, non è uniforme per tutto il continente: mentre nella fascia costiera affacciata sul Mediterraneo si assiste ad un lieve decremento dell’urbanizzazione, Lagos-la città più grande della Nigeria- ha scalzato il Cairo come città più popolosa del continente, con circa 20 milioni di abitanti. La crescita incontrollata delle megalopoli africane pone delicate questioni sia regionali che continentali, in ordine sia alla gestione sostenibile dell’urbanizzazione, sia alla gestione pratica dei grandi centri urbanizzati.

Non si può non tenere conto che gran parte di queste città sono per lo più costituite da baraccopoli in cui mancano servizi essenziali come l’acqua corrente o l’energia elettrica. I sistemi con cui finora i governi affrontano il problema infrastrutturale- di cui il più comune è la rotazione settimanale delle erogazioni dei servizi, causa perdite economiche ingenti che vanno ad appesantire le già fragili congiunture economiche continentali. Altro problema è la massiccia erosione del suolo: ogni anno, infatti, le coste africane perdono da uno a quattro metri di suolo.

Ma non è l’unica ripercussione dei cambiamenti climatici: con la progressiva desertificazione, miliardi di persone concentrate in poche grandi città rischiano di non aver accesso, o avere accesso limitato, a risorse essenziali e beni primari. Senza contare, in tempi di pandemia globale, i rischi sanitari connessi a centri urbani così densamente popolati, in luoghi dove non sono stati ancora debellati mali come il colera, o l’Ebola. Il denominatore comune a queste voci è un massiccio piano di investimenti in infrastrutture, da realizzare sfuggendo ai meccanismi corruttivi e clientelari che, purtroppo, sono ancora causa di lungaggini e ritardi nei progetti africani. Altrimenti, le infrastrutture di cui il continente ha un disperato bisogno, rischiano di nascere già vecchie

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://iari.site/wp-content/uploads/2019/12/1.jpg” admin_label=”banner dossier” _builder_version=”4.1″ locked=”off”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Latest from AFRICA