ARABIA SAUDITA E PETROLIO: AL VIA LA GUERRA DEI PREZZI

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||” hover_enabled=”0″]

L’epidemia globale dovuta al coronavirus sta mettendo a dura prova i governi del mondo sia sotto il profilo della gestione dell’emergenza sanitaria, sia sotto il profilo della tutela dei mercati nazionali e internazionali.

Nell’orizzonte incerto di quali misure verranno adottate per salvaguardare sia l’uno che l’altro, venti di tensione spirano dai paesi del Golfo, in particolare dalla monarchia dei Saud – famiglia reale saudita – pronta a una guerra commerciale sul prezzo del petrolio.Ad esserne coinvolti sono principalmente gli altri due paesi che assieme all’Arabia Saudita siedono sul podio dei maggiori produttori di greggio: Stati Uniti d’America e Federazione Russia.

Ad innescare la miccia del conflitto è stata chiaramente la forte diminuzione dei consumi dovuti alle numerose restrizioni in vigore in buona parte delle nazioni di ogni continente.
Se prima della crisi COVID-19 la domanda mondiale di petrolio si aggirava attorno ai 100 milioni di barili al giorno, attualmente si assesta attorno ai 30 milioni, e non è da escludere che possa calare ulteriormente.
Di pari passo alla diminuzione della domanda è conseguita anche una netta diminuzione del prezzo, portando al di sotto dei 25 dollari a barile, un minimo che non si raggiungeva da oltre 17 anni.

Riyad ha deciso di sfruttare la flessione di produzione ed esportazioni per mettere in difficoltà sia Mosca che Washington, la prima già in affanno per l’assenza di mercato per le sue nuove trivellazioni, il secondo per la possibile recessione dell’industria petrolifera americana, da cui dipendono decine di migliaia di posti di lavoro, e che ha costi di produzione molti più alti rispetto a quelli sauditi o russi.

Il Regno ha deciso infatti di aumentare l’offerta a otre 12 milioni di barili al giorno, di fatto inondando il mercato e abbassandone i prezzi, e interrompendo l’alleanza fra l’OPEC – l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio di l’Arabia Saudita è membro fondatore e leader – e Russia.
Senza una discussione e un accordo congiunto fra i tre attori per bilanciare i mercati, si prospetta quindi una guerra dei prezzi e un braccio di ferro tra il Principe ereditario Mohammad bin Salman, il Presidente Donald Trump e il Presidente Vladimir Putin.

Fonti:

https://foreignpolicy.com/2020/04/03/oil-prices-surge-trump-teases-saudi-russia-truce/

https://www.bloomberg.com/news/articles/2020-03-07/saudi-aramco-slashes-crude-prices-kicking-off-price-war

https://www.aljazeera.com/ajimpact/saudis-bowing-trump-admin-pressure-oil-price-war-200327195527029.html

 

 

 

 

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://iari.site/wp-content/uploads/2019/12/1.jpg” admin_label=”banner dossier” _builder_version=”4.1″ locked=”off”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Latest from DAILY