GLI USA CHIUDONO LE PORTE A PAUL MAKONDA: “ GRAVI DISCRIMINAZIONI CONTRO I GAY"

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||” hover_enabled=”0″]

Il 31 Gennaio il Dipartimento di Stato americano ha annunciato la decisione di emettere un divieto di ingresso negli USA a Paul Makonda, governatore di Daar es Salaam, capitale economica della Tanzania. La misura è stata estesa anche ai suoi familiari più stretti, tra cui la moglie Mary Felix Massenge.
Nella dichiarazione si legge: “Il Dipartimento designa pubblicamente Paul Makonda…a causa del suo coinvolgimento in gravi violazioni dei diritti umani, tra cui la flagrante negazione del diritto alla vita, alla sicurezza, alla libertà o alla sicurezza delle persone”. Inoltre, nella nota, viene espressa la crescente preoccupazione della comunità internazionale per la situazione dei diritti umani in Tanzania che versano in una situazione di “grave deterioramento”.
Makonda è membro del partito al potere, Chama Cha Mapinduzi (CCM), e particolarmente vicino al Presidente John Magufuli, in carica dal 2015.
Sotto la presidenza di Magufuli, la Tanzania ha avviato una campagna di repressione contro le comunità LGBT, campagna, in cui Makonda ha avuto un ruolo particolarmente attivo. Lo stesso Presidente nel 2017, in una dichiarazione che aveva indignato la comunità internazionale, aveva affermato: “Persino le vacche deplorano l’omosessualità”.
In questi anni le autorità hanno sospeso il CHESA, un importante centro che lavorava per l’informazione e il sostegno alla salute, con l’accusa di promuovere campagne a favore dell’omosessualità. La polizia, inoltre, ha fatto irruzione durante alcuni seminari sulla salute e sui diritti umani per le minoranze sessuali e di genere, arrestando i partecipanti. Persone “sospettate” di essere gay sono state fermate arbitrariamente e sottoposte agli esami anali forzati, pratica più volte denunciata dalle Nazione Unite.
In Tanzania l’omosessualità è considerata un reato perseguibile con pene particolarmente severe.
La sezione 154 del Codice Penale del 1945 (integrato dalla “Legge sulle disposizioni speciali dei reati sessuali” del 1998) disciplina i reati sessuali “non naturali” definendoli come quell’atto commesso da «Qualsiasi persona che ha una conoscenza carnale con un’altra persona contro l’ordine della natura» prevedendo la reclusione «…a vita e in ogni caso per un periodo non inferiore a trent’anni».
Inoltre una persona è perseguibile anche in caso di “tentativo” di commettere reati “sessuali non naturali” con una pena non inferiore a vent’anni di reclusione (Sezione 155).
Proprio con riferimento a questa legislazione particolarmente severa, nel 2018, il Parlamento europeo ha adottato una proposta di Risoluzione Comune che invita le autorità tanzaniane a modificare tutte le disposizioni restrittive e a sostituirle con una normativa in grado di che garantire la libertà di espressione, e il rispetto dei diritti umani.
Il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani, inoltre, nell’interpretazione del Patto internazionale sui diritti civili e politici, ratificato anche dalla Tanzania, ha affermato che gli arresti basati sull’orientamento sessuale violano il diritto alla privacy. Una violazione dello stesso tipo è stata riscontrata anche con riferimento al Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, che tutela il diritto alla salute e vieta la discriminazione nell’accesso a tale diritto sulla base dell’orientamento sessuale.
Le pressioni della comunità internazionale, in cui si ascrive anche la decisione di Washigton, tuttavia possono solo riuscire nel tentativo di spingere il Paese verso una depenalizzazione dell’omosessualità formale. Che tali pressioni, siano in grado di svolgere un ruolo decisivo anche sul piano materiale nella garanzia del rispetto dei diritti, resta un’ipotesi abbastanza distante.
 

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://iari.site/wp-content/uploads/2019/12/1.jpg” admin_label=”banner dossier” _builder_version=”4.1″ locked=”off”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Giusy Monforte

Cari lettori, ho il piacere di presentarmi, sono Giusy Monforte, analista dell’Istituto Analisi Relazioni Internazionali (IARI).
La mia passione per la geopolitica è iniziata a Catania, dove mi sono laureata in Politica e Relazioni internazionali. Successivamente mi sono spostata a Napoli, città che mi ha letteralmente incantata per la sua capacità di restare fedele alle sue radici identitarie pur guardando verso l’Europa. A Napoli ho conseguito una laurea magistrale in Studi Internazionali presso “L’Orientale”, dedicando particolare attenzione al mondo arabo e al diritto islamico, con il fine di inquadrare quest'ultimo nelle scienze giuspubblicistiche. Dopo la laurea ho continuato i miei studi e non ho mai smesso di scrivere: ho collaborato con diverse riviste di geopolitica.
Ho avuto la fortuna di salire a bordo di questo Think Tank sin dall’inizio riuscendo, in questo modo, a dare il mio contributo dalle sue prime manovre e a crescere professionalmente insieme ad esso. Allo IARI mi occupo soprattutto di temi afferenti al costituzionalismo in Africa e negli Stati a maggioranza musulmana.
La mia curiosità verso il mondo si riversa probabilmente anche nelle altre attività.
Dedico il resto del mio tempo alla ricerca delle scoperte musicali e vado spesso ai Festival che ti permettono di spaziare dal dreampop alla Jazztronica, senza sembrare una persona confusa, e a condividere, contemporaneamente, la passione per la musica con persone provenienti da tutto il mondo. Amo viaggiare, oltre che fisicamente, anche attraverso il cinema: seguo con particolare interesse il cinema iraniano e coreano, ma confesso che il mio cuore appartiene al canadese Xavier Dolan.
La parola che odio di più è etnocentrismo: spesso si ignora che non esiste solo una prospettiva e che la realtà ha diverse facce se imparassimo a guardarla con gli occhi degli altri.
La mia parola preferita, invece, è prònoia: perché l’universo può giocare anche a nostro favore ma a volte lo dimentichiamo

Latest from AFRICA