LA “LONGA MANU" DELLE INTERFERENZE NELLE ELEZIONI AFRICANE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||” hover_enabled=”0″]

In un anno denso di elezioni per tutto il continente africano, gli osservatori internazionali si interrogano sulla bontà e sulla trasparenza dei sistemi elettorali messi in atto nei Paesi che andranno al voto nei prossimi mesi.

La questione del controllo internazionale sugli organismi elettivi, il conteggio dei voti, ed i sistemi per assicurare la genuinità del voto non è nuova per l’Africa: in tutta la sua storia indipendente, infatti, si sono susseguiti scrutatori indipendenti, dapprima per creare e irrobustire il neonato sistema di democratizzazione della scelta dei leaders, e poi per tentare, ove possibile, di arrestare la dilagante ed endemica corruzione che colpisce in modo particolare il sistema del conteggio dei voti. Proprio il delicatissimo momento dello spoglio è stato, ad esempio, contestato nel caso delle elezioni in Mozambico. Il partito dall’opposizione, la RENAMO, ha infatti accusato il presidente Nyusi di aver organizzato brogli durante il conteggio dei voti  dichiarando che avrebbe considerato nulle le elezioni che riconfermano il FRELIMO al potere.

E tuttavia non si tratta solo di infiltrazioni provenienti dall’interno. Sull’onda del clamore suscitato dal celeberrimo Russiagate, gli ultimi dati delle agenzie di intelligence  corroborano la tesi secondo cui i sistemi elettorali, uno dei pilastri della democrazia, siano sempre più compromessi, specie in quei Paesi che non hanno la possibilità, o la volontà, di assicurarsi adeguati strumenti di controllo. Il rapporto ha evidenziato come, una oscura società inglese, la SLC Group, adesso scomparsa dalle scene, sia coinvolta in numerose elezioni in tutta l’Africa tra cui spicca il voto del 2017 in Kenya che portò alla rielezione di Kenyatta. La SCL risulta tra l’altro, collegata a Cambridge Analytica. Il dato è allarmante se si pensa che il virare di queste società verso i partiti influenti alimenta sospetti di elezioni pilotate volte a sostenere il permanere dello status quo.

Proprio per questo, la comunità internazionale, in sede di concertazione riunita delle Nazioni Unitd, dovrebbe offrire ai paesi africani che sono chiamati alle urne nel 2020 tutto il supporto di commissioni elettorali indipendenti, con la partecipazione del popolo e la educazione all’esercizio di un diritto fondamentale alla sopravvivenza della democrazia, affinché l’Africa si allontani dall’ombra nera della corruzione che sembrerebbe permearla.

 
 

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://iari.site/wp-content/uploads/2019/12/1.jpg” admin_label=”banner dossier” _builder_version=”4.1″ locked=”off”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Latest from AFRICA