Cobalto D.O.C- sull’utilizzo della tecnologia blockchain in Africa

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

È difficile immaginare un futuro in cui non si utilizza la tecnologia “blockchain”. Questa catena di blocchi “open source” – ossia una sorta di archivio che conserva registrazioni di transazioni e le rende immodificabili- è un utile strumento per garantire la trasparenza delle operazioni commerciali. Da qualche tempo, la blockchain ha un utilizzo in più: garantire la tracciabilità del cobalto, bloccando il “cobalto sporco” proveniente da alcune miniere della Repubblica democratica del Congo.

Il cobalto, infatti, rappresenta una parte essenziale dell’economia del Paese: più del 60% della produzione mondiale proviene proprio dalla RdC, dalla provincia di Lualaba, da anni sulla bocca della comunità internazionale per i dubbiosi metodi di estrazione, specialmente nelle prolifiche miniere di Kalwesi, dove minori( a volte i bambini non raggiungono nemmeno i sette anni), vengono impiegati al fine di intrufolarsi negli strettissimi cunicoli delle gallerie, rischiando gravi malattie polmonari ed infortuni.

L’utilizzo della tecnologia blockchain per garantire il filtraggio della materia prima e arginare l’ingresso nella complicata e oscura filiera di materiale prodotto nel mancato rispetto del diritto del lavoro e più in generale dei diritti umani, sarebbe uno strumento utilissimo. Una battaglia che hanno preso a cuore anche molte case automobilistiche, impegnate nella corsa all’auto elettrica: la Volvo, ad esempio, ha dichiarato, così come la Ford all’inizio dell’anno, che a partire dal 2020 utilizzerà la blockchain per tracciare il cobalto utilizzato nelle batterie. Sarebbe importante che una simile scelta fosse condivisa anche dalle principali case produttrici di tecnologie come Samsung o Apple, che utilizzano una grandissima quantità di cobalto per gli schermi o le piccole parti di pc o smartphone. In questo modo, i colossi industriali potrebbero avere una leva efficace per promuovere un miglioramento delle condizioni generali delle condizioni di lavoro in miniera, com’è già successo nel caso dei diamanti di sangue.

È però indicativo di una nuova sensibilità rispetto al fenomeno, che in Africa stiano sorgendo una quantità di start-up a livello locale che si occupano proprio di sviluppo e utilizzo di blockchain nelle principali filiere produttive. C’è una nuova volontà di trasparenza nel territorio, e la blockchain sembra lo strumento giusto per ottenere dei grandi risultati.

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://iari.site/wp-content/uploads/2019/12/1.jpg” admin_label=”banner dossier” _builder_version=”3.24.1″ locked=”off”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Latest from AFRICA ANALISI

“DI NECESSITÀ VIRTÙ”. CERCARE DI RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA FAME POTREBBE OFFRIRE UNA NUOVA POSSIBILITÀ ALLO SVILUPPO AFRICANO

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″

EMERGENZA NELL’EMERGENZA: IL BACINO DEL LAGO CIAD ALLA PROVA DEL CORONAVIRUS

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″

CONGO RIVER 2020: A KINSHASA DAL 28 AL 31 LUGLIO SI TERRÀ LA PRIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL FIUME CONGO

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″

IL CAMMINO DELLA DEMOCRAZIA AFRICANA

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″

IN CAMERUN IL POTERE ESECUTIVO TIENE SOTTO SCACCO LA MAGISTRATURA (DA SEMPRE)

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″