Violenza di genere e mutilazioni genitali femminili: uno sguardo sull’Africa

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

All’interno dei “Sustainable Development Goals” varati dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l’obiettivo numero cinque è dedicato alla Gender Equality: oltre all’accesso al lavoro e all’istruzione, detto obiettivo si concentra anche sulla violenza fisica e psicologica subita ancora oggi dalle donne in tutto il mondo. Si stima infatti che ancora oggi un terzo della popolazione femminile subisca violenza di vario genere ogni giorno, e che 750 milioni di ragazze siano costrette a contrarre matrimonio prima del diciottesimo anno di età. Queste medie sono purtroppo destinate a salire se si prende in considerazione il continente africano. Accanto ad esempi d’avanguardia nella politica, con una sempre maggiore presenza delle donne in posizione di prestigio e di potere- si pensi, solo per fare qualche esempio, ad Ellen Johnson Sirleaf, Joice Mujuru o Alengot Oromait, la più giovane donna ad essere eletta in un Parlamento nazionale- si registrano ancora numeri drammatici per ciò che riguarda la pratica culturale delle mutilazioni genitali femminili.

La mutilazione genitale femminile, ovvero la circoncisione femminile, è ancora diffusissima in Africa Centrale dove, secondo stime congiunte di Unicef e Organizzazione Mondiale della sanità, circa il 50% delle ragazze ha subito la mutilazione prima dei 13 anni o ha effettuato una tale scelta per le proprie figlie. La percentuale raggiunge picchi superiori all’80% in paesi come il Mali o il Sudan a riprova di un fenomeno culturale di difficile eradicazione. Non mancano però segnali di progresso: nel 2017 un giudice inglese ha, per la prima volta, condannato una madre di una bambina di tre anni per averla sottoposta a mutilazioni genitali, segno di una giurisprudenza internazionale attenta al problema. E tuttavia si tratta di una problematica che necessita di un approccio multidisciplinare.

Mancano o sono di difficile reperimento dati sempre aggiornati sulla diffusione della pratica e sul numero di giovani che essa effettivamente coinvolge. Le stime ufficiali, comprese quelle delle Nazioni Unite, inoltre, non tengono conto degli effetti a lungo termine a cui le vittime vanno incontro, specie a livello psicologico. Per il futuro si auspica quindi, il prosieguo di massicce campagne di informazione e azioni positive sia a livello internazionale che a livello locale, per contrastare attivamente la violenza di genere.

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://iari.site/wp-content/uploads/2019/12/1.jpg” admin_label=”banner dossier” _builder_version=”3.24.1″ locked=”off”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Latest from Flash News

La Russia, la Cina e "la Forza della Siberia"

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] Forza della Siberia.

IL CONGO HA LE ORE CONTATE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] Lunedi 25 Novembre

MERKEL VS MACRON: L’UE HA BISOGNO DI UN ESERCITO EUROPEO?

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] Hanno destato scalpore

Per preservare la propria immagine Ankara deve tenere a bada i ribelli dell’ESL

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] A seguito dell’accordo

CRESCONO I VOLUMI SULLA ROTTA ARTICA

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] Il riscaldamento climatico