ECONOMIA: INVESTIMENTI IN TUNISIA PER 40 MILIONI DI EURO

La Tunisia ha ricevuto dall’Unione Europea 40 mln di euro da investire nel settore della pesca e nei quartieri popolari. I finanziamenti giungono dopo due accordi firmati da Zied Laadhari, Ministro dello Sviluppo, degli investimenti e della cooperazione Internazionale. Il primo, è rivolto allo sviluppo delle attività di pesca, all’ammodernamento delle infrastrutture e al recupero del porto di Kelibia, attraverso il sostegno economico di 7 mln di euro. Il secondo accordo invece, di 33 mln di euro, si pone l’obiettivo di portare al termine il programma, già avviato, di pianificazione e miglioramento di 146 quartieri popolari, di cui sette nel governatorato di Nabeul.

Il settore della pesca è di particolare importanza per la Tunisia. Da solo rappresenta il 10% dell’export agricolo, ed è una fonte di occupazione per circa 100000 persone. L’economia tunisina continua ad affrontare i problemi economici che erano alla base delle rivolte del 2011 tra cui, il tasso di disoccupazione molto alto, intorno al 15,2%, e il divario socio-economico tra le aree costiere e le zone interne del Paese. Ad aumentare le difficoltà, si è aggiunta una forte inflazione che ha superato il 7,5% nel 2018. Inoltre la Banca Mondiale ha manifestato le sue preoccupazioni a causa dell’elevato debito pubblico (oltre il 70%) che rende particolarmente fragile l’intero sistema economico.

Tuttavia si sono registrati alcuni elementi di speranza: un tasso di crescita del 2,5% per il 2018, che si pensa possa raggiungere il 2,9% entro la fine del 2019; la ripresa del settore turistico che è cresciuto del 17%nel 2018 (rispetto al 2017). Il turismo, sta traendo vantaggi dal contesto politico nazionale che, nonostante le incertezze, trasmette una percezione di sicurezza che spinge sempre più turisti a scegliere la Tunisia come meta per le proprie vacanze. 
Del resto la Tunisia, dopo le rivolte del 2011, ha avviato una lunga fase di transizione politica, riuscendo a gestire con continuità l’affermazione dei diritti umani, il consolidamento delle istituzioni politiche e il dialogo con l’Unione Europea.

Giusy Monforte

Cari lettori, ho il piacere di presentarmi, sono Giusy Monforte, analista dell’Istituto Analisi Relazioni Internazionali (IARI).
La mia passione per la geopolitica è iniziata a Catania, dove mi sono laureata in Politica e Relazioni internazionali. Successivamente mi sono spostata a Napoli, città che mi ha letteralmente incantata per la sua capacità di restare fedele alle sue radici identitarie pur guardando verso l’Europa. A Napoli ho conseguito una laurea magistrale in Studi Internazionali presso “L’Orientale”, dedicando particolare attenzione al mondo arabo e al diritto islamico, con il fine di inquadrare quest'ultimo nelle scienze giuspubblicistiche. Dopo la laurea ho continuato i miei studi e non ho mai smesso di scrivere: ho collaborato con diverse riviste di geopolitica.
Ho avuto la fortuna di salire a bordo di questo Think Tank sin dall’inizio riuscendo, in questo modo, a dare il mio contributo dalle sue prime manovre e a crescere professionalmente insieme ad esso. Allo IARI mi occupo soprattutto di temi afferenti al costituzionalismo in Africa e negli Stati a maggioranza musulmana.
La mia curiosità verso il mondo si riversa probabilmente anche nelle altre attività.
Dedico il resto del mio tempo alla ricerca delle scoperte musicali e vado spesso ai Festival che ti permettono di spaziare dal dreampop alla Jazztronica, senza sembrare una persona confusa, e a condividere, contemporaneamente, la passione per la musica con persone provenienti da tutto il mondo. Amo viaggiare, oltre che fisicamente, anche attraverso il cinema: seguo con particolare interesse il cinema iraniano e coreano, ma confesso che il mio cuore appartiene al canadese Xavier Dolan.
La parola che odio di più è etnocentrismo: spesso si ignora che non esiste solo una prospettiva e che la realtà ha diverse facce se imparassimo a guardarla con gli occhi degli altri.
La mia parola preferita, invece, è prònoia: perché l’universo può giocare anche a nostro favore ma a volte lo dimentichiamo

Latest from AFRICA FOCUS

TRAPPOLA DEL DEBITO: LA STRATEGIA DEL NEOCOLONIALISMO CINESE

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″

SENEGAL EMERGENTE: IL DECOLLO ECONOMICO PASSA DALL’ENERGIA

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.24.1″ custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”0px||” custom_padding=”0px||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.1″

Ricostruzione post-conflitto: Il ruolo della Banca Mondiale in Costa d’Avorio

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22.3″][et_pb_row _builder_version=”3.22.3″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_text _builder_version=”3.0.74″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] Alcune aree del