Xi, Putin e il neo – multipolarismo

Non è un caso che il viaggio di Xi a Mosca sia avvenuto proprio il 20 marzo, data che coincide esattamente con il ventesimo anniversario di ""Shock and Awe"" americano e lo scoppio della guerra in Iraq del 2003

Le reazioni degli Stati ASEAN al Patto AUKUS

A un anno e mezzo dall’annuncio congiunto di Stati Uniti, Regno Unito e Australia, la retorica dei membri dell’ASEAN in merito al Patto AUKUS sembra essersi raffreddata, ma i timori permangono

Eurasia

Radio America

La guerra perpetua

Prima o poi tutte le guerre sono destinate a concludersi nella loro dimensione cinetica. Per completa devastazione del nemico. Per esaurimento del morale. Per realizzazione che i costi da sopportare supereranno i vantaggi della prosecuzione delle ostilità. La situazione in Ucraina non rientra ancora in nessuno di questi finali. Entrambe le parti mantengono obiettivi di guerra inconciliabili, ma il logoramento e il tempo giocano a favore di Mosca, avvantaggiano la superiore profondità demografica e materiale dei russi. In America prende quota l’ipotesi di congelare il conflitto, in attesa del prossimo round

edicola sudamericana

Lo spettro dell’iperinflazione in Argentina

L’Argentina sta affrontando un momento di difficoltà, data l’elevata inflazione della valuta nazionale che porta con sé memorie difficili – nello specifico, quelle della crisi dei primi anni 2000, le cui ripercussioni ancora possono essere avvertite

LA CRISI UMANITARIA EVITABILE DELLE POPOLAZIONI YANOMAMI

In Brasile è in atto una crisi sanitaria e umanitaria nel territorio Yanomami. La crisi era evitabile, ed anzi, è stata amplificata dalle politiche anti-indigeniste e predatorie del governo Bolsonaro. Con il nuovo presidente Lula si sta aprendo una breccia di speranza per questi territori e per chi li abita

Laws & Right

CLIMATE CHANGE LITIGATION: UN TREND IN CONTINUO AUMENTO

Negli ultimi anni il fenomeno delle climate litigation aventi per oggetto la violazione di diritti umani costituzionalmente garantiti è aumentato in modo esponenziale dinnanzi a Corti e organismi internazionali. L’ultimo caso riguarda l’Austria, dove un gruppo di minori ha chiesto alla Corte Suprema di adottare misure più severe per contrastare

Rotta verso l'artico

Middle East & North Africa

Perché il 2023 potrebbe essere l’anno di una nuova intifada palestinese? 

Il 26 gennaio un raid israeliano nella città di Jenin ha portato alla morte di dieci palestinesi, fra donne e uomini di tutte le età. Da quel momento un’escalation di violenza e terrore ha invaso l’intera regione, rendendo l’inizio dell’anno corrente il più sanguinoso nella storia del conflitto. Lo scenario di una sollevazione popolare palestinese di dimensioni paragonabili a quelle di fine anni ’80 e di inizio anni 2000 non è più così surreale

INTERESSI EUROPEI NEL MEDITERRANEO E OPPORTUNITA’ PER I MENA 

Gli eventi che hanno caratterizzato lo scenario geopolitico internazionale del 2022 hanno restituito al mare Mediterraneo un ruolo di spicco. Se da un lato, il conflitto in Ucraina ha portato a una pesante rottura dei rapporti tra Russia e Occidente, dall’altro ha creato le circostanze ideali per un crescente interesse europeo per i paesi MENA, che si sono ritrovati in una posizione vantaggiosa nel campo dell’energia e degli scambi con l’Unione Europea e Occidente

Gli accordi di Abramo e il protagonismo degli Emirati Arabi Uniti

Gli EAU stanno mostrando, oramai da anni, un forte dinamismo diplomatico, i cui risultati sono oggi visibili in Siria o negli sviluppi seguiti agli Accordi di Abramo, la cui firma ha funto da trampolino di lancio per espandere la propria influenza, a livello regionale e oltre

Geopolitica e Storia